Verona, quarantenne uruguaiana picchia a morte il proprio bimbo di 14 mesi

Un’accusa orribile per a sudamericana residente nel quartiere di Borgo Roma dove i sanitari intervenuti nel tentativo di rianimare un neonato, prima sul posto, poi trasportandolo d’urgenza al cittadino Ospedale Civile Maggiore di Borgo Trento, dove è arrivato senza vita.

La polizia sta indagando per scongiurare l’ipotesi peggiore, quella di maltrattamento. Nell’appartamento della donna sono intervenuti anche i poliziotti delle Volanti, su segnalazione da parte della sala operativa del 118, interessati dell’episodio per meglio accertare la dinamica di quanto accaduto al piccolo prima che arrivassero i soccorsi. Sono stati dei lividi al volto del bambino che hanno messo in allarme gli stessi sanitari.

L’autorità giudiziaria ha disposto l’autopsia. La donna di 40 anni è stata sottoposta a fermo con l’accusa di omicidio. A suo carico sarebbero emersi gravi indizi di colpevolezza. Per le si sono aperte le porte della casa circondariale di Verona-Montorio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Verona, quarantenne uruguaiana picchia a morte il proprio bimbo di 14 mesi Verona, quarantenne uruguaiana picchia a morte il proprio bimbo di 14 mesi ultima modifica: 2013-12-04T16:35:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento