Calano in Umbria gli infortuni sul lavoro

Continuano a diminuire in Umbria gli infortuni sul lavoro ed i casi mortali: nel 2012 gli incidenti denunciati all’INAIL sono stati 11.447 contro i 13.353 del 2011 (-14,3 per cento). Le “morti bianche” sono state 15 contro le 19 dell’anno precedente (-21 per cento). Una quota consistente di infortuni sul lavoro è rappresentata da incidenti stradali ed in itinere. Sul territorio regionale la tendenza al ribasso degli infortuni avviata da qualche anno è ormai consolidata (-30,1 per cento nell’ultimo quinquennio). Riduzione che va in ogni caso valutata alla luce dagli effetti negativi prodotti dal perdurare della crisi economica che ha causato la cancellazione di moltissimi posti di lavoro. Trend sostanzialmente stabile invece per le malattie professionali: quelle manifestatesi nel 2012 sono state 1.420 contro le 1.428 del 2011 (-0,55 per cento). Sono questi i dati principali emersi dal Rapporto annuale 2012 presentato questa mattina, giovedì 28 novembre, dal direttore regionale dell’Inail Umbria, Tullio Gualtieri, nel Salone d’Onore di Palazzo Donini a Perugia, che ha visto la partecipazione dell’assessore regionale alle politiche della sicurezza nei cantieri e alla sicurezza stradale Stefano Vinti e del prefetto di Perugia, Antonio Reppucci. Sono intervenuti tra gli altri anche Pierluigi Bruschi, coordinatore CRC INAIL Umbria, Massimo Calzoni presidente ANCE Umbria e Claudio Ricciarelli in rappresentanza delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil. In questa occasione è stata anche siglata l’intesa tra INAIL e Regione Umbria  finalizzata a prevenire gli infortuni lavorativi stradali e quelli in itinere. “Nel quadro delle azioni per il miglioramento della sicurezza stradale, ha affermato l’assessore, la Regione attribuisce una elevata priorità alla messa in sicurezza degli spostamenti sul lavoro e per lavoro, che costituiscono l’oggetto di un titolo specifico del progetto di legge regionale sulla sicurezza stradale. Questi infortuni, nel quinquennio 2006-2010 hanno determinato mediamente il 15% dei feriti e il 38% delle morti tra quelli complessivamente causati dagli infortuni in occasione di lavoro e durante gli spostamenti casa-lavoro in Umbria. La Giunta regionale, ha sottolineato Vinti, ha individuato tre obiettivi principali. Il contrasto al lavoro nero (che è in diretto rapporto con la sicurezza dei luoghi di lavoro), l’affermazione della cultura della prevenzione (che passa attraverso interventi di formazione, di comunicazione e di sensibilizzazione non soltanto dei lavoratori o delle imprese ma anche di tutto il tessuto sociale umbro) ed infine l’utilizzo integrato delle informazioni, anche attraverso la creazione di banche dati unificate per aumentare l’efficacia delle attività di vigilanza sui cantieri”.

“In questo contesto, ha concluso Vinti, è molto importante  positiva collaborazione che si è instaurata da anni tra la Regione Umbria e l’INAIL Umbria. Vogliamo continuare ad operare in modo integrato, per promuovere un sistema coerente di interventi efficaci da parte delle amministrazioni locali, delle singole imprese e/o delle rappresentanze datoriali e del mondo del lavoro, di altri soggetti pubblici e privati che possono concorrere a migliorare questa specifica componente di sicurezza stradale, e quindi migliorare la sicurezza dei lavoratori sia durante gli spostamenti casa-lavoro, sia durante gli spostamenti in occasione di lavoro. L’obiettivo comune di riferimento è proprio la riduzione delle vittime (morti e feriti) causate da infortuni stradali in itinere e in occasione di lavoro”. Il protocollo d’intesa prevede l’attivazione di diverse azioni, compresa un attività di incentivazione rivolte alle aziende, alle rappresentanze economiche e sociali delle imprese e dei lavoratori, ai lavoratori e alle amministrazioni locali e ad altri soggetti che possono concorrere in modo diretto a migliorare la sicurezza degli spostamenti correlati al lavoro. Le imprese che vorranno presentare la domanda per la riduzione del tasso medio di Tariffa secondo le disposizioni dell’INAIL potranno indicare nella domanda (reperibile insieme alla relative istruzioni nel sito istituzionale dell’INAIL www.inail.it), l’adesione al progetto “Sicurezza Stradale”, specificando gli interventi effettivamente realizzati che verranno verificati dall’’INAIL. Il progetto avrà la durata di due anni. “ Al miglioramento della sicurezza stradale – ha affermato l’assessore – la Regione attribuisce una elevata priorità alla messa in sicurezza degli spostamenti sul lavoro e per lavoro, che costituiscono l’oggetto di un titolo specifico del progetto di legge regionale sulla sicurezza stradale. Questi infortuni, nel quinquennio 2006-2010 hanno determinato mediamente il 15% dei feriti e il 38% delle morti tra quelli complessivamente causati dagli infortuni in occasione di lavoro e durante gli spostamenti casa-lavoro in Umbria. La Giunta regionale, ha sottolineato Vinti, ha individuato tre obiettivi principali. Il contrasto al lavoro nero (che è in diretto rapporto con la sicurezza dei luoghi di lavoro), l’affermazione della cultura della prevenzione (che passa attraverso interventi di formazione, di comunicazione e di sensibilizzazione non soltanto dei lavoratori o delle imprese ma anche di tutto il tessuto sociale umbro) ed infine l’utilizzo integrato delle informazioni, anche attraverso la creazione di banche dati unificate per aumentare l’efficacia delle attività di vigilanza sui cantieri”.

Lascia un commento