Delia, furti fili di rame il sindaco scrive all’Enel

Dopo il furto di fili di rame, ad opera di ignoti, delle linee elettriche di media e bassa tensione, avvenuto nel territorio di Delia, nelle contrade di “San Calogero”, “Afflitto”, “Piscazzeri” e “Barbieri”, nella notte tra giovedì e venerdì, il sindaco di Delia, Gianfilippo Bancheri e l’assessore all’Agricoltura, Antonio Gallo, hanno inviato una lettera alle Direzioni dell’Elnel di Caltanissetta e di Potenza nonché al Comando dei Carabinieri della stazione di Delia, con la quale chiedono il ripristino urgente delle linee elettriche per evitare disagi ai residenti ed eventuali danni alle strutture agro industriali delle zone interessate.

Di seguito il testo della lettera.

“A seguito di furto di intere campate di linee elettriche conduttrici di media e bassa tensione avvenuto nei giorni scorsi presso le contrade di “San Calogero” – “Afflitto” – “Piscazzeri” e “Barbieri”, tutti in territorio di Delia si comunica, alle SS.LL. in indirizzo che nella zona insistono diverse abitazioni civili, alcune aziende agricole ad indirizzo arboreo specializzato e alcune strutture agro-industriali, tutte prive di energia elettrica.

Si chiede, alle SS.LL. in indirizzo, di provvedere al ripristino della fornitura di Energia, evidenziando l’urgenza di provvedere, oltre che per le abitazioni civili, anche per le aziende agricole, la maggior parte delle quali ad indirizzo arboreo specializzato e per le strutture agro-industriali situate nella zona interessata dal sinistro, poiché anche nel corso dell’inverno necessita attivare gli impianti di energia elettrica per vari motivi: principalmente per il rifornimento di acqua da utilizzare per l’esecuzione dei trattamenti invernali, per le riparazioni di macchine ed attrezzi, etc..”

9 su 10 da parte di 34 recensori Delia, furti fili di rame il sindaco scrive all’Enel Delia, furti fili di rame il sindaco scrive all’Enel ultima modifica: 2013-11-19T08:49:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento