Caivano, sequestrati 13 pozzi irrigui e 15 fondi agricoli e le coltivazioni di verdure pronte alla vendita

L’operazione è scattata nel territorio al centro dell’area “colpita” dalla presenza di rifiuti tossici, la cosiddetta Terra dei fuochi. Dalle analisi sui campioni prelevati dai pozzi, è emersa la presenza di sostanze considerate altamente tossiche e nocive per l’ambiente e la salute umana. Le analisi hanno accertato il superamento dei limiti di concentrazione della soglia di contaminazione delle acquee sotterranee in relazione a diverse sostanze: triclorometano (oltre 100 volte il limite normativi); arsenico (sino ad oltre il doppio del limite normativi), solfati.

I terreni oggetto del sequestro sono ubicati in corrispondenza della stessa linea della falda acquifera degli altri sei pozzi irrigui e dei relativi terreni (oltre 10 ettari), in località Sanganiello e Ponte delle Tavole, sempre a Caivano, sequestrati a luglio scorso.

Sulla maggior parte dei terreni sequestrati c’erano coltivazioni di cavolfiori, broccoli, verze, finocchi, cicoria e zucchine la cui raccolta era imminente o in atto; la restante parte era pronta per essere seminata a spinaci o per la coltivazione di prodotti ortofrutticoli comunque destinata all’alimentazione umana.

Il reato per il quale si procede è avvelenamento di acque destinate all’alimentazione. Si è reso necessario il sequestro preventivo in via d’urgenza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Caivano, sequestrati 13 pozzi irrigui e 15 fondi agricoli e le coltivazioni di verdure pronte alla vendita Caivano, sequestrati 13 pozzi irrigui e 15 fondi agricoli e le coltivazioni di verdure pronte alla vendita ultima modifica: 2013-11-13T00:55:16+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento