Diffamazione a mezzo stampa, niente carcere per i giornalisti

Qualcosa si muove. L’Aula della Camera approva il testo che riforma il reato di diffamazione a mezzo stampa, cancellando il carcere per i giornalisti e i direttori di testate. I sì sono stati 308, 117 i contrari, 8 gli astenuti. Il testo passa al Senato. Contro votano Sel e M5S.

“Mettiamo fine ad un anacronismo, quello della carcerazione per i giornalisti, che riecheggia culture incompatibili con la democrazia costituzionale”. Così Pino Pisicchio, autore della prima proposta di legge di riforma della diffamazione, commenta l’approvazione del provvedimento che elimina la pena detentiva per i giornalisti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Diffamazione a mezzo stampa, niente carcere per i giornalisti Diffamazione a mezzo stampa, niente carcere per i giornalisti ultima modifica: 2013-10-17T13:42:44+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento