Inaugurata nuova fermata treni Brunico Nord

La nuova fermata dei treni di Brunico Nord si trova nelle immediate vicinanze dell’Ospedale di Brunico. I presenti, l’assessore provinciale alla mobilità, il sindaco di Brunico ed il direttore del comprensorio sanitario Walter Amhof, hanno fatto presente i grandi vantaggi che ne derivano. Consente un collegamento agevole sia per i pazienti ed il personale ospedaliero, che dalla nuova fermata dei treni potranno raggiungere l’Ospedale compiendo solo pochi passi, che per gli abitanti dei quartieri residenziali limitrofi.

La cerimonia di apertura di ieri è stata sotto il motto “portare la stazione ai cittadini e avvicinare le persone al treno ed al trasporto pubblico”.

Con l’ammodernamento complessivo della linea ferroviaria della Pusteria, con le nuove fermate, e con il nuovo progetto dei collegamenti trento per raggiungere le località sciistiche, come ha fatto presente l’assessore provinciale alla mobilità, si aprono nuovo prospettive di raggiungibilità sostenibile e comoda dei compensori sciistici. assurge sempre più a modello nell’ambito del sistema di trasporto pubblico, come testimoniano i dati in costante crescita riferiti agli utenti.

Grazie alla fattiva collaborazione fra il dipartimento Mobilità della Provincia, del Comune, della società ferroviaria RFI e delle ditte coinvolte, come ha riferito il direttore di Struttura Trasporto Alto Adige STA s.p.a., Joachim Dejaco, è stata possibile una realizzazione rapida della nuova fermata dei treni di Brunico.
Grande interesse per il nuovo treno FLIRT delle ferrovie altoatesine che si è potuto visitare per la prima volta. è dotato di nuovi allestimenti con le sedute rivestite di tessuto di Loden rosso scuro prodotto dalla ditta locale “Moessmer” e di collegamento gratuito ad Internet.

9 su 10 da parte di 34 recensori Inaugurata nuova fermata treni Brunico Nord Inaugurata nuova fermata treni Brunico Nord ultima modifica: 2013-10-14T15:48:02+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento