La NIA verrà in Italia per espletare le sue funzioni

Qualcuno griderà alla vittoria e trattenendo il fiato per “tirare indietro e fuori il petto” si presenterà a breve di fronte alle telecamere per dire “uomini di poca fede ve lo avevo detto, così si fa”!

Oggi infatti il quotidiano indiano The Economic Times scrive che l’India invierà a Roma una missione della polizia investigativa Nia per interrogare quattro altri fucilieri di Marina. In questo modo si risolverebbe l’impasse che impedisce la chiusura delle indagini sull’incidente.

Un compromesso il cui maggior sponsor come noto è il Commissario di Governo dott. de Mistura che credo a breve se la notizia fosse confermata, darà fiato alle trombe per informarci e proporci questa che sembra una vittoria italiana, ma che di fatto rappresenta l’ennesima sconfitta attraverso un’ulteriore cessione di quel poco di sovranità nazionale che ancora abbiamo.

Un iter che comunque non sarà semplice. Infatti il “Times of India” ci informa che in ambito di amministrazione centrale di Delhi permangono posizioni divergenti. Il ministro degli Interni Sushilkumar Shinde che continua a sostenere la fermezza della Corte suprema in completo disaccordo con Il Ministro degli Esteri Salman Kurshid che “diplomaticamente” vorrebbe contribuire a far sì che si attenui la tensione diplomatica tra le due Nazioni.

Una cosa è certa, stiamo aprendo le porte ad un’Agenzia investigativa di uno Stato terzo esperta in antiterrorismo, per permettere di interrogare sul suolo nazionale 4 militari italiani sospettati di essere coinvolti in vicende accadute mentre difendevano in acque internazionali la sicurezza del territorio italiano. Un altro cedimento italiano che anche in questo caso dimostra la non volontà di pretendere la garanzia dell’immunità funzionale ai nostri militari con un messaggio assai deviante nei confronti di tutti coloro che in uniforme stanno difendendo gli interessi italiani in aree del globo a rischio.

Un parere, il nostro, che emerge dopo aver acquisito notizie attraverso la stampa estera in quanto ormai siamo abituati ad aggiornarci sulla sorte dei nostri Fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone solo ed esclusivamente leggendo o ascoltando media indiani.

Una costrizione voluta e gestita da chi invece in Italia dovrebbe aver aperto da tempo un canale comunicativo specifico in cui canalizzare un flusso continuo di informazioni sulla vicenda. Il Ministro degli Esteri che dopo aver aperto uno spazio sulla sua pagina del social network Facebook ne ha subito disposto la chiusura e continua a tacere proponendo sempre di più una Farnesina tagliata fuori dai giochi.

9 su 10 da parte di 34 recensori La NIA verrà in Italia per espletare le sue funzioni La NIA verrà in Italia per espletare le sue funzioni ultima modifica: 2013-10-10T13:19:28+00:00 da Fernando Termentini
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento