Silvio Berlusconi tra servizi sociali ed interdizione

Il Cavaliere si prepara ai servizi sociali. Spetterà al tribunale di sorveglianza, che fisserà un’udienza alla quale parteciperà come rappresentante dell’accusa un Pg, decidere se accogliere o meno l’istanza e stabilire, insieme a Silvio Berlusconi, i particolari dell’affidamento in prova.

L’iter si prevede lungo e dovrebbe concludersi la prossima primavera. La posizione del Cavaliere, al quale è stato revocato il passaporto, non è fra quelle da definire con urgenza. Si tratta di un condannato non detenuto e con una pena da scontare, al netto dei tre anni di indulto, di un anno.

Riguardo alla rideterminazione al ribasso dei cinque anni di interdizione dai pubblici uffici inflitti in primo e in secondo grado all’ex capo del governo, sempre per il caso Mediaset, il processo si aprirà davanti alla terza Corte d’appello di Milano il prossimo 19 ottobre. E per quella data, secondo Coppi, non è escluso che la difesa presenti anche una memoria.

Lascia un commento