Cuggiono, incidente alla cava di Maurizio Valentini feriti dieci bambini

Incidente con un escavatore in una cava a Cuggiono, in provincia di Milano. Due di loro sono in gravi condizioni. I piccoli, tra gli 8 e i 13 anni, erano dentro la benna del mezzo pesante. Alla guida il titolare della cava, Maurizio Valentini, 39 anni, padre di uno dei bambini, che stava festeggiando il compleanno con i compagni di scuola nella cava. Quel giro sull’escavatore doveva essere un gioco. All’improvviso due bambini sono caduti in avanti e sono stati schiacciati dal mezzo. I due sono in pericolo di vita. Uno dei due bambini gravemente feriti ha riportato lo schiacciamento del bacino e di una gamba. E’ stato medicato sul posto e poi trasportato all’ospedale di LegnanoIl secondo, che ha riportato un serio trauma cranico ed è stato intubato e poi trasferito all’ospedale di Niguarda. Per loro i medici non hanno ancora sciolto la prognosi. Alcuni degli altri ragazzini sono stati portati in ospedale in stato di choc. Altri invece sono stati medicati nella cava, dove è avvenuto l’incidente, dal personale sanitario e sono poi stati portati a casa dai genitori. In tutto, i lettighieri hanno prestato soccorso a una ventina di persone. Alla festa erano presenti oltre trenta bambini.

L’incidente è avvenuto in una cava privata lungo la strada comunale Remondada, nella frazione di Castelletto di Cuggiono. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Legnano, i Vigili del Fuoco e gli uomini del pronto soccorso.

Rispetto al titolare della cava, Maurizio Valentini, rimasto illeso, le autorità stanno valutando se contestare il reato di lesioni colpose. Suo figlio è rimasto illeso. L’uomo ha subito chiamato i soccorsi e si è prodigato per aiutare i minorenni e i sanitari. Al momento il Pm di turno non ha preso provvedimenti nei suoi confronti: rischia di essere denunciato per il reato di lesioni colpose sperando che i due minorenni sopravvivano; in caso contrario la sua posizione si aggraverebbe. Le indagini sono affidate al Pm di Busto Arsizio Maurizio Zappattini.

Lascia un commento