Scafa, Italcementi conferma la chiusura dello stabilimento a fine gennaio 2015

Il fermo della produzione avverrà però già dal primo febbraio 2014 e cassa integrazione per i lavoratori fino alla chiusura della ditta. E’ stata l’azienda a dare la conferma alle rappresentanze sindacali nazionali e territoriali di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil, riunite in coordinamento.

”L’azienda – sottolinea Giovanni Panza, segretario generale della Feneal Uil Abruzzo – in questo modo mostra di non rispettare l’accordo ministeriale. C’è completa disattenzione rispetto a quanto era stato assicurato. Scafa non rimarrà neanche come centro di macinazione”.

Lascia un commento