Marco Pantani è stato ucciso. La madre chiede di riaprire il processo

pantaniA quasi dieci anni dalla morte del campionissimo, i dubbi restano. Ne ha “ancora tanti” Tonina Pantani che che esprime un auspicio. “Vorrei che qualcuno me li togliesse”. Marco Pantani è stato trovato morto nella stanza di un residence il 14 febbraio 2004. “Ho letto tutti gli atti e ci sono tante cose non vere – afferma la mamma del Pirata – nel residence non era solo come è stato detto, c’erano più persone. Un altro dubbio che ho riguarda i giubbotti che erano a Milano e invece sono stati trovati in quella camera. Io chiedo la riapertura del processo”.

“Vorrei solo sapere – ribadisce la madre del ciclista – come è morto mio figlio, il mio dubbio più grande è che me lo abbiano ucciso perché Marco dava fastidio a qualcuno, non a quelli che vendevano cocaina, dava fastidio al mondo del ciclismo. Penso che abbia pestato i piedi a qualcuno. Marco era così, quello che pensava diceva: ha parlato di doping dicendo che esisteva non solo nel ciclismo ma in tutti gli sport”.

L’avvocato Antonio De Rensis, legale della famiglia Pantani, ha aggiunto. “Noi partiamo da una rilettura dei fatti, pensando che, alla fine, andremo nella stessa direzione delle indagini, senza tesi precostituite. Se ci saranno zone d’ombra andremo avanti senza guardare in faccia nessuno”.

Lascia un commento