Policoro, il medico Pasquale Suriano preso a calci e pugni da un paziente

Un episodio inaudito. Un dottore aggredito perché si rifiuta di dargli un’informazione di servizio. E’ accaduto nei locali dellaGuardia medica dell’ospedale di Policoro. La vittima è il dottor Pasquale Suriano, 52 anni, in servizio nel nosocomio jonico. Davanti al medico si è presentato un paziente con problemi psichiatrici ma il sanitario non ne era al corrente. L’uomo ha chiesto con impazienza di sapere il nome dell’operatore del 118. Aveva l’abitudine di chiamare il 118 per farsi prelevare presso la propria abitazione, in modo da arrivare in ospedale dove gli veniva somministrato del calmante. Gli operatori del 118 erano impegnati altrove e non l’hanno potuto aiutare. Secondo la ricostruzione del dottor Suriano, l’uomo avrebbe preso il registro delle presenze per leggere il nome che gli serviva, ma il sanitario lo ha invitato a restituire il registro, essendo vietato leggerlo agli esterni.

Per tutta risposta, l’uomo ha inveito verbalmente contro il dottore, dando un calcio alla porta mentre usciva. Il sanitario, che non sapeva di avere a che fare con una persona problematica, lo ha ripreso, facendogli capire che non poteva agire in quel modo. Il rimprovero del medico è stato, però, la scintilla che ha fatto traboccare la furia del cinquantenne, il quale non ha esitato ad avventarsi sul medico con calci e pugni, alla presenza di un gruppo di pazienti.

Il dottor Suriano è riuscito a divincolarsi rifugiandosi nel vicino Pronto soccorso; ma l’aggressione non è finita, perché l’uomo totalmente privo di controllo ha ripreso a dargliele di santa ragione, finché quattro infermieri non sono riusciti ad immobilizzarlo, chiamando la psichiatra per farlo visitare, dopo che aveva buttato per aria tutte le sedie.

9 su 10 da parte di 34 recensori Policoro, il medico Pasquale Suriano preso a calci e pugni da un paziente Policoro, il medico Pasquale Suriano preso a calci e pugni da un paziente ultima modifica: 2013-09-09T00:40:58+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento