Trento, cinquantadue posti in più nelle scuole d’infanzia di Gardolo e Roncafort

Sono stati completati nei giorni scorsi i lavori di ampliamento delle scuole d’infanzia Margit Levinson di Roncafort e Biancaneve di Gardolo, cominciati nello scorso mese di maggio.

La durata dei due cantieri è stata di soli quattro mesi, per dare la possibilità di iniziare il nuovo anno scolastico nelle sedi rinnovate. L’ampliamento si è reso necessario a fronte del forte incremento demografico nella zona nord della città. Grazie alle due nuove aule, le scuole ospiteranno ventisei bambini in più ciascuna.

In particolare il progetto per Gardolo ha previsto il posizionamento del nuovo volume sul fronte est dell’edificio esistente, lì dove l’ampiezza del giardino lo consente. La superficie di attività della nuova aula è di 63 metri quadri e lo spazio è caratterizzato da una ampia visuale sul giardino della scuola per percepire una continuità tra interno ed esterno. Esternamente, uno spazio delimitato da una parete e da una lunga seduta permette di svolgere attività educative e ludiche all’aperto.

A Roncafort è stata realizzata una quarta sezione di 63 metri quadri circa e l’annessione alla stanza sonno esistente di un altro locale, che consentirà l’incremento di ulteriori 10 posti letto rispetto agli attuali 25.

I progetti sono stati seguiti dai tecnici del servizio Gestione fabbricati, diretto dall’ing. Claudia Patton: per la scuola infanzia Biancaneve dall’ing. Di Annabella Trani , dal p.i. Maurizio Verones Maurizio e dal professionista esterno ing. Cesare Codecà, per la scuola dell’infanzia Margit Levinson dall’arch. Tiziana Weber, dal dott. Pierangelo Cainelli e dal professionista esterno ing. Flavio Anesi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Trento, cinquantadue posti in più nelle scuole d’infanzia di Gardolo e Roncafort Trento, cinquantadue posti in più nelle scuole d’infanzia di Gardolo e Roncafort ultima modifica: 2013-09-03T10:27:42+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento