Capri, giallo sulla morte dello skipper Luigi Piccolo

L’uomo di 51 anni è stato trovato agonizzante in strada a Pozzuoli e morto poco dopo il suo ricovero all’ospedale “La Schiana”. A un primo esame della salma, Luigi Piccolo presentava una grave frattura al bacino. Sulla vicenda indaga la Polizia che, al momento, in attesa dell’autopsia, non esclude alcuna ipotesi.

A pochi metri da dove personale del 118 ha soccorso lo skipper, privo di sensi e steso sull’asfalto di via Montenuovo, gli investigatori hanno trovato il suo motorino, e questo potrebbe far ritenere che l’uomo possa essere caduto a terra, dopo essere stato colto da malore, oppure sia stato investito da un’auto o da una moto pirata o ancora aggredito.

I poliziotti hanno inoltre eseguito un’ispezione sull’imbarcazione di un noto professionista napoletano, per cui lavorava Piccolo, attraccata nel porto di Baia.

Lascia un commento