Teramo, convenzione tra l’Università e l’Organizzazione non governativa Da.Pa.Du. in Burundi

L’accordo prevede l’attuazione di un programma di cooperazione che riguarda la formazione, la ricerca e la mobilità studentesca. Per l’occasione era presente una nutrita delegazione del Burundi composta, tra gli altri, dal Ministro per l’Agricoltura, il Vice Ministro agli esteri e l’ambasciatore del Burundi a Roma. La convenzione, firmata per l’Università di Teramo dal prorettore vicario, Dino Mastrocola, e per la Da.Pa.Du da don Enzo Chiarini, prevede che un numero di studenti provenienti dal Burundi sarà inserito, con esonero del pagamento delle tasse universitarie, nei corsi di laurea della Facoltà di Bioscienze e tecnologie agroalimentari e ambientali, della Facoltà di Medicina veterinaria ma anche di altre facoltà dell’ateneo. Saranno organizzati corsi di formazione tecnica tenuti da giovani laureati, laureandi e studenti di Corsi di studio post lauream dell’Università degli Studi di Teramo, che si terranno in Burundi su filiere agroalimentari.

I corsi saranno rivolti a giovani e operatori del Burundi in età lavorativa per la programmazione e l’attuazione di microprogetti per l’incremento della produzione primaria, al fine di soddisfare i fabbisogni alimentari, con particolare attenzione alla trasformazione e conservazione degli alimenti di origine vegetale e animale.

Per il progetto, l’Ong Da.Pa.Du metterà a disposizione dell’Università di Teramo alcune infrastrutture di proprietà – tra cui 10 ettari di terreno per la coltivazione di specie agrarie di interesse alimentare e 2 ettari di terreno dove sono state realizzate una scuola alberghiera e un centro di trasformazione alimentare.

9 su 10 da parte di 34 recensori Teramo, convenzione tra l’Università e l’Organizzazione non governativa Da.Pa.Du. in Burundi Teramo, convenzione tra l’Università e l’Organizzazione non governativa Da.Pa.Du. in Burundi ultima modifica: 2013-08-27T23:02:42+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0