Bolzano, pulizia dei tricolori dalla città

Roland Lang, consigliere comunale di Suedtiroler Freiheit, prosegue nella sua operazione di “pulizia dei tricolori”. Ha fatto il giro di Bolzano per togliere dai lampioni le bandiere italiane rimaste dall’Adunata nazionale degli Alpini del maggio 2012 che secondo lui è stata una vera e propria marcia.

 L’esponente del movimento popolare secessionista sudtirolese che auspica il distacco dell’Alto Adige – Sudtirolo dall’Italia, con in testa Eva Klotz (figlia dell’ex terrorista Georg) e del suo “delfino” Sven Knoll, si è procurato un furgone bianco con tanto di simbolo del suo movimento e con quello ha dato vita alla sua singolare iniziativa.

Secondo Lang le bandiere, oltre ad essere simbolo dell’italianità e “prodotte con materiali scadenti”, sono anche “pericolosi per la circolazione”. Nella lettera inviata via posta elettronica al sindaco del capoluogo altoatesino Luigi Spagnolli, Lang cita il comma 8 dell’articolo 38 del nuovo codice della strada, secondo cui “è vietato apporre su un segnale di qualsiasi gruppo, nonché sul retro dello stesso e sul suo sostegno, tutto ciò che non è previsto dal regolamento”.

Lang, che annuncia di voler portare personalmente al primo cittadino le bandiere tricolori recuperate nel suo tour, ha affermato che lo stesso Spagnolli non ha mai fatto nulla per toglierle nonostante le sue sollecitazioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bolzano, pulizia dei tricolori dalla città Bolzano, pulizia dei tricolori dalla città ultima modifica: 2013-07-29T18:26:13+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0