Bologna, Silvia Caramazza trovata cadavere all’interno di un congelatore acceso

Macabra scoperta in un appartamento in viale Aldini al civico 28. Una donna i 39 anni è stata rinvenuta priva di vita all’interno di un sacco, in una delle due camere da letto stipata in un congelatore acceso. Il corpo presenta una profonda ferita alla fronte. Nella camera da letto sono state trovate ampie macchie di sangue. Vicino al corpo di Sivia Caramazza anche farmaci e sonniferi.

La donna era sparita da due settimane, dal 19 giugno. Le amiche ne avevano denunciato la scomparsa. La Polizia sta cercando il fidanzato. Si pensa che l’aggressione sia avvenuta mentre la vittima dormiva perché era vestita con abiti da casa, una tuta o forse un pigiama.

La denuncia di scomparsa sarebbe stata presentata in un commissariato, ma alcune incongruenze nel racconto del fidanzato, sentito dalla Polizia nei giorni scorsi, avrebbero convinto gli agenti a sfondare la porta della casa della scomparsa, trovando così il corpo.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin