Nolite timere, docufiction di Giuseppe Tandoi su papa Celestino V

Giuseppe Tandoi, giovane regista di talento formatosi all’Accademia dell’Immagine dell’Aquila, la scuola di alta formazione fondata da Gabriele Lucci, si cimenta in una nuova avventura cinematografica su Pietro del Morrone poi diventato papa Celestino V, incoronato nella basilica di Collemaggio il 29 agosto 1294, il papa che istituì il primo giubileo, la Perdonanza, il papa che appena cinque mesi dopo la sua elezione rinunciò al pontificato con un gesto di profetico significato per la cristianità del suo tempo, il papa tornato umile monaco, segregato da Bonifacio VIII nel castello di Fumone, morto nel 1296 e canonizzato da Clemente V ad Avignone il 5 maggio 1313, esattamente sette secoli fa. Pugliese, 31 anni, Giuseppe Tandoi ha scelto di vivere all’Aquila anche dopo il terremoto del 6 aprile 2009, una città che davvero ama molto.

Proprio nel 2009, infatti, vi ha fondato la Esprit Film. La società di produzione cinematografica aquilana, dopo il successo del lungometraggio “La città invisibile”, film commedia di speranza girato nell’Aquila del post terremoto, uscito nei cinema il 30 luglio 2010 e vincitore al “Mirabile Dictu” International Catholic Film Festival, si cimenta ora in una nuova importante produzione legata all’Abruzzo: la docufiction “Nolite Timere” – Non abbiate paura la traduzione dal latino – incentrata sulla figura di San Pietro Celestino V e sul suo straordinario insegnamento spirituale. Le riprese della frazione fiction del documentario inizieranno il 13 maggio, e proseguiranno fino al 17, a Santo Stefano di Sessanio, lo splendido borgo alle falde del Gran Sasso d’Italia diventato albergo diffuso per iniziativa dell’architetto italo svedese Daniele Kihlgren, un paese che nel Cinquecento divenne proprietà dei Medici di Firenze per via della produzione della lana.

papa Celestino V

Con una Sceneggiatura firmata da Eulalia Caterina Rosati e dallo stesso Giuseppe Tandoi, che ne curerà la Regia, la docufiction in alta definizione ha la Fotografia di Francesco Colantoni, la Scenografia di Maria Teresa Padula, i Costumi di Cristina Da Rold e Maria Teresa Padula, di Matteo De Simone il Suono in presa diretta. Significativo il cast, con Lino Capolicchio nel ruolo di Pietro del Morrone, e con gli attori Manuele Morgese, Claudio Marchione, Marilia Papaleo, Emanuele Federici, Aldo Spahiu, Antonio Duronio e Stefano Santamaria negli altri ruoli.

La Esprit Film, nata e con sede all’Aquila, è profondamente legata al territorio abruzzese e al suo grande patrimonio storico, artistico e spirituale, che intende valorizzare attraverso il cinema, portentoso mezzo capace di contribuire notevolmente alla promozione del territorio e alla sua ricchezza generale. La figura spirituale di Pietro del Morrone, San Pietro Celestino, è molto amata e venerata in Abruzzo e nell’Italia Centrale. Particolarmente all’Aquila, dove il Santo è Patrono della città insieme a S. Massimo, S. Equizio S. Bernardino da Siena, dove riposano le sue spoglie mortali nella Basilica di Collemaggio, dove ogni anno tra i Vespri del 28 agosto a quelli del 29 si apre la Porta Santa per tenersi l’annuale giubileo aquilano della Perdonanza. E tuttavia ancor oggi è poco conosciuta a livello nazionale e internazionale, anche se un grande interesse s’è acceso su Celestino V nel febbraio scorso, all’indomani della rinuncia alla tiara di papa Benedetto XVI. “L’obiettivo della docufiction – afferma il regista – è di sottolineare la grandezza di questo personaggio chiave della Cristianità, attraverso una nuova lettura delle fonti ed una narrazione cinematografica di qualità capace di trasformare Pietro del Morrone in un personaggio vivo e palpitante, a cui la gente possa ancor più affezionarsi. Naturalmente, rilanciando l’immagine di San Pietro Celestino, si riesce a rilanciare l’immagine dell’Aquila, dell’Abruzzo e di tutti quei luoghi in Italia e in Europa dove viva e fondamentale è stata la presenza del santo”.

Eremo celestiniano

Con un suggestivo apparato documentario sui luoghi celestiniani, tra i quali spiccano gli eremi abruzzesi sulla Maiella e sul Morrone, situati in contesti ambientali mozzafiato, il film si completa con la parte fiction che intreccia il racconto della figura del monaco Pietro Angelerio con le storie di tre testimoni del processo di canonizzazione, iniziato il 13 maggio 1306 su disposizione di papa Clemente V, conclusosi il 5 maggio 1313 con l’elevazione agli altari di San Pietro Celestino. “Nolite timere” vuole dunque intrecciare l’analisi delle parole riportate dai testimoni del processo con la testimonianza vera e propria fino ad arrivare alla sintesi del messaggio spirituale di Pietro del Morrone. Un messaggio universale di riconciliazione, di perdono e di pace che poi fu proprio del magistero celestiniano con l’istituzione della Perdonanza, il giubileo donato all’Aquila da papa Celestino V con la Bolla del 29 settembre 1294, conservata per secoli dalla Municipalità aquilana nei forzieri della Torre civica.

Giuseppe Tandoi

Giuseppe Tandoi è nato nel 1982 a Corato, in provincia di Bari, ma ormai è aquilano d’adozione. Diplomato all’Istituto d’Arte della sua città, sceglie L’Aquila come città universitaria e dal 2001 al 2007 studia e si diploma all’Accademia dell’Immagine, centro d’eccellenza per la formazione di professionisti della settima arte. Nel 2008 frequenta un master a Roma in Gestione d’Impresa Cinematografica ed Audiovisiva. Dal 2001 fino ad oggi si è occupato della regia di numerosi video per concerti e spettacoli dal vivo, oltre alla realizzazione di spot, cortometraggi e documentari. Tra i suoi lavori più importanti i video per lo spettacolo “La viltà del rifiuto, il coraggio della scelta” in collaborazione con il Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila; i video per “Caldo Desio” spettacolo teatrale con il violista Christophe Desjardins e con la voce recitante di Federico Sanguineti; “La maledizione dell’agave”, cortometraggio prodotto dall’Accademia dell’Immagine dell’Aquila con la supervisione di Riccardo Milani; “I custodi – L’Inganno”, cortometraggio autoprodotto, vincitore di tre premi a livello nazionale (Arnaldincorto, 2006 Brescia, Video Festival Città di Imperia 2007 e la candidatura al David di Donatello 2007); “Punto di Vista 99”, concerto scenico realizzato dal Concentus Serafino Aquilano.

Infine, è appena completato il montaggio e di prossima uscita la docufiction “Giusta”, sulla Santa martire venuta, nel III secolo d.C., da Siponto, l’attuale Manfredonia, per evangelizzare le genti della Conca aquilana. Una storia, questa, che nei primi anni del Cristianesimo congiunge la sua Puglia con l’Abruzzo e con L’Aquila ante litteram, attraverso due dei suoi Castelli che mille anni dopo l’avrebbero fondata: Bazzano, l’antica Offidium, e la terra di Paganica, dove la famiglia sipontina – con Giusta, Felice, Fiorenzo, Umbrasia e Giustino – s’insediò nel 281 d.C. per predicare la buona novella. Ad eccezione di San Giustino, tutti furono martirizzati cinque anni dopo il loro arrivo. Santa Giusta conobbe la palma del martirio a Bazzano, dove ora è venerata Protettrice, nel sito sul quale fu edificata la stupenda chiesa tra le più preziose testimonianze dell’arte romanica in Abruzzo, mentre San Giustino visse fino a morte naturale predicando nel luogo dove tra l’VIII e il XII secolo venne costruita la bella Basilica romanica a lui dedicata, a Paganica, dove è venerato come Patrono. La docufiction “Nolite timere” dovrebbe essere pronta per dicembre 2013.

9 su 10 da parte di 34 recensori Nolite timere, docufiction di Giuseppe Tandoi su papa Celestino V Nolite timere, docufiction di Giuseppe Tandoi su papa Celestino V ultima modifica: 2013-05-10T15:28:06+00:00 da Goffredo Palmerini
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0