Maddaloni, carabiniere ucciso, inasprire pene per rapine a mano armata

“Mi stringo al dolore che ha colpito la famiglia di Tiziano Della Ratta, il carabiniere di Sant’Agata dei Goti ucciso durante un conflitto a fuoco a Maddaloni con alcuni malviventi”. Lo dichiara Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia.

“Tragedie come queste – aggiunge – in cui delinquenti spietati e senza scrupoli non esitano a sparare contro servitori dello Stato, impongono una risposta forte e una seria riflessione sulla necessità di inasprire le pene anche per le rapine a mano armata. Evidentemente, l’aver inserito nella scorsa legislatura l’ergastolo per chi assassina gli appartenenti alle Forze dell’Ordine non è abbastanza”.

“All’Arma dei Carabinieri, al maresciallo Domenico Trombetta rimasto ferito e all’intera comunità casertana e beneventana – conclude Cirielli – la mia solidarietà e vicinanza, oltre ad un sincero sentimento di apprezzamento per il lavoro che quotidianamente le donne e gli uomini delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine svolgono a tutela della sicurezza dei cittadini”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Maddaloni, carabiniere ucciso, inasprire pene per rapine a mano armata Maddaloni, carabiniere ucciso, inasprire pene per rapine a mano armata ultima modifica: 2013-04-28T08:58:33+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0