Messina, servizio mensa al Policlinico evitati licenziamenti collettivi

Raggiunto l’accordo per l’attivazione della procedura dei contratti di solidarietà per i lavoratori della società Euroristorazione che gestisce l’appalto della mensa del Policlinico. L’accordo, che ha evitato i licenziamenti collettivi, è stato siglato nel corso di un incontro tenutosi presso la sede della Cisl di Messina alla presenza dei rappresentanti dell’azienda e dei sindacati Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Uiltucs Uil, Ugl e Orsa.

Il sindacato ha firmato unitariamente l’accordo per il contratto di solidarietà, salvaguardando tutti i 71 lavoratori.

“Il nuovo appalto della mensa del Policlinico – afferma il segretario generale della Fisascat Cisl Messina Pancrazio Di Leo – non è solo un problema occupazionale. La chiusura delle due cucine del Policlinico influisce sulla qualità del servizio ai pazienti, servizio pasti che è effettuato nel centro di cottura esterno di Oliveri. L’azienda Policlinico che ha indetto l’appalto non ha fatto nulla per la salvaguardia dei livelli occupazionali nel cambio d’appalto anzi ha penalizzato i lavoratori non inserendo l’affitto delle due cucine interne nellì’appalto e quindi penalizzando l’utenza che si vede recapitare i pasti dall’esterno”.

“E’ stato previsto – aggiunge Di Leo – un taglio delle ore e degli stipendi, con l’applicazione di contratti part time anche per sole nove ore settimanali. Avremmo gradito da parte dell’Azienda Ospedaliera Policlinico un maggiore interessamento alla situazione di questi lavoratori e lavoratrici e anche nei confronti dei degenti. Chiederemo alla dirigenza del Policlinico di esaminare la situazione di grave difficoltà e lavorare per apportare le giuste correzioni all’appalto”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Messina, servizio mensa al Policlinico evitati licenziamenti collettivi Messina, servizio mensa al Policlinico evitati licenziamenti collettivi ultima modifica: 2013-04-17T08:09:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0