Università di Torino, confronto fra i quattro candidati Rettore

Giovedì 4 aprile 2013 dalle ore 12.00 alle 13.30 presso l’Auditorium Quazza (via Sant’Ottavio, 20) si terrà un confronto pubblico fra i quattro candidati alla carica di Rettore dell’Università di Torino, Gianmaria Ajani, Vincenzo Ferrone, Adalberto Merighi e Anna Maria Poggi.

A meno di una settimana dal primo turno elettorale per decidere chi governerà l’Ateneo per i prossimi sei anni, gli studenti del Master in Giornalismo, studenti e aspiranti giornalisti, hanno studiato i programmi dei candidati, le loro biografie e le loro proposte per l’Università del futuro.

Il dibattito fra i quattro candidati alla carica di Rettore per UniTo, a cura degli studenti del Master di giornalismo, si svolgerà con modalità definite: nella prima ora del dibattito i candidati avranno, uno dopo l’altro, la possibilità di rispondere ad alcune domande -le stesse per tutti- (due minuti per ogni risposta e 30 secondi per la replica, se richiesta; totale repliche possibili due). Il restante tempo sarà dedicato a domande del pubblico, rielaborate giornalisticamente, anche per i singoli candidati. L’incontro è aperto al pubblico, fino ad esaurimento posti.

Obiettivo del confronto vuole essere quello di fare emergere le diverse posizioni programmatiche, con particolare attenzione ai temi del diritto allo studio, delle sfide che attendono l’Ateneo anche nell’ambito del contesto locale. Per gli studenti del Master il confronto rappresenta una occasione giornalisticamente ricca di spunti, e  l’opportunità di essere protagonisti in modo professionale di un evento che investe la vita dell’Università e non solo.

L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming sul sito del Laboratorio Quazza www.labquazza.unito.it

9 su 10 da parte di 34 recensori Università di Torino, confronto fra i quattro candidati Rettore Università di Torino, confronto fra i quattro candidati Rettore ultima modifica: 2013-03-28T11:31:34+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0