Venezia, gestione integrata dei rifiuti urbani

Al Centro servizi della Provincia a Mestre l’assessore all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia assieme al tecnico Alessandro Pavanato, ha presieduto un incontro con i sindaci e i rappresentanti dei Comuni della Provincia di Venezia sulle “nuove disposizioni per l’organizzazione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ed attuative dell’articolo 2, comma 186 bis della legge 23 dicembre 2009, n. 191 “disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello stato (legge finanziaria 2010)”.

Quattro in sostanza gli argomenti trattati: adempimenti a seguito della soppressione delle Autorità d’Ambito e l’ istituzione dei Consigli di bacino, istituzione della Tares e differimento della riscossione, affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani, approvazione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti.

Per quanto riguarda la soppressione delle Autorità d’Ambito e istituzione dei Consigli di bacino, la legge regionale n. 52/2012 stabilisce che le funzioni di organizzazione e controllo del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani vengano esercitate in forma associata a livello provinciale, o in bacini territoriali di diversa dimensione, riconosciuti dalla Giunta regionale, all’interno dei quali gli enti locali esercitano le funzioni in forma associata attraverso i consigli di bacino, che subentrano nelle funzioni già di competenza delle autorità d’ambito, operando in nome e per conto degli Enti locali associati. “Per garantire la continuità nell’esercizio delle funzioni relative alla gestione integrata dei rifiuti urbani – afferma l’assessore Dalla Vecchia – la Regione del Veneto ha nominato i commissari liquidatori, nella figura dei presidenti degli enti soppressi, che dovranno gestire la fase transitoria di passaggio da autorità d’ambito a consiglio di bacino, convocando l’assemblea dei sindaci e predisponendo tra l’altro, sulla base di una convenzione tipo, la convenzione che dovrà essere approvata dall’assemblea e ratificata dai consigli comunali. Alla riunione di oggi abbiamo deciso di sollecitare con una lettera la Regione affinché emani al più presto questa convenzione tipo”.

Per quanto riguarda l’istituzione della Tares e il differimento della riscossione, bisogna ricordare che da quest’anno, la Tia (tariffa di igiene urbana) e la Tarsu ove ancora applicata, vengono sostituite dal tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (Tares), a copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto dai comuni, e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni. La Tares viene riscossa dai comuni ed utilizzata per il pagamento del servizio, secondo il piano finanziario approvato dal consiglio comunale, mentre la Tia era riscossa direttamente dalle aziende incaricate del servizio di gestione dei rifiuti. La riscossione del tributo, entrato in vigore dal 1° gennaio 2013, è stata differita a luglio, creando notevoli problemi di liquidità alle aziende che effettuano il servizio e che devono comunque sostenere i costi inerenti all’erogazione del servizio stesso (personale, materiali, e altro). Questa situazione ha indotto Veritas a richiedere l’intervento del Prefetto, che ha sollecitato i Comuni ad anticipare quanto dovuto per l’erogazione del servizio, in attesa di riscuotere la Tares. Anche i comuni, peraltro, sono alle prese con difficoltà di bilancio e con il patto di stabilità; riteniamo però che, nei limiti del possibile, i comuni possano provvedere all’anticipo almeno delle quote relative al servizio già erogato.

Per quanto riguarda l’affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani, le nuove norme per l’affidamento dei servizi pubblici prevedono anche, in determinate condizioni, la possibilità di affidamento “in house”, esclusivamente da parte dell’organo di governo dell’ambito territoriale, come definito dalla regione: nel nostro caso, il consiglio di bacino in fase di costituzione. Il consigli di bacino, quindi, dovrà decidere quale forma di affidamento adottare, predisponendo gli atti necessari e provvedere, nel caso di affidamento “in house”, alla stipula di un contratto di servizio, di durata adeguata a garantire la programmazione delle attività e dei servizi”.

Circa l’ultimo punto sull’approvazione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, l’assessore ha ricordato che con deliberazione del 5.3.2013, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della regione del 15.3.2013, la Giunta Regionale ha adottato il Piano per la gestione dei rifiuti urbani e speciali, anche pericolosi. A partire da tale data, gli enti hanno 60 giorni di tempo per proporre osservazioni.

Da parte dei Comuni sono state sollevate molte preoccupazioni riguardanti la Tares. “Continua a passare l’idea che ci siano sindaci più o meno virtuosi – ha osservato il sindaco di Marcon Andrea Follini – Siamo costretti a trovare artifici finanziari.  Auspico una rivisitazione complessiva della partita che penalizza i cittadini e mette in ginocchio i Comuni”. O come Spinea, che attraverso l’assessore Piercarlo Signorelli afferma che «i bilanci hanno regole che vanno rispettate; manca l’Aato, manca chiarezza, con il rischio di incorrere in incongruenze”, per questo alcuni comuni, com’è il caso di Ceggia, hanno chiesto di poter avere un supporto tecnico-amministrativo dalla Provincia.

Al termine della riunione di oggi in Provincia sono stati anche diffusi i dati sulla raccolta differenziata nei comuni della provincia veneziana. In mancanza di un metodo ufficiale stabilito a livello nazionale, per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata è stato utilizzato il metodo elaborato dall’Osservatorio Regionale sui rifiuti di ARPAV e adottato dalla Regione Veneto, che serve per calcolare eventuali penalizzazioni tariffarie a carico degli enti che non raggiungono le percentuali previste dalla legge e dagli strumenti di pianificazione regionale e provinciale (65% entro il 2012 a livello di ambito territoriale ottimale).

Dall’elaborazione dei dati 2012, vediamo che la maggior parte dei comuni supera la percentuale, con alcune eccezioni dovute per la maggior parte a situazioni contingenti: caso tipico è quello del comune di Venezia, nel quale la raccolta differenziata è problematica sia per difficoltà territoriali (centro storico e isole), sia per i flussi turistici che impongono in molti casi prestazioni straordinarie; in ogni caso, il dato del comune di Venezia è in linea con comuni di analoghe dimensioni e problemi territoriali molto meno evidenti.

Altri Comuni nei quali la raccolta differenziata presenta problemi sono i comuni litoranei turistici, nei quali durante la stagione estiva la popolazione si moltiplica a causa delle presenze turistiche e che in tale periodo necessitano di servizi appositamente programmati.

Il solo dato relativo alla raccolta differenziata, però, non fornisce un’informazione idonea a descrivere la realtà della gestione dei rifiuti. Infatti, l’obiettivo proposto dalle normative consiste nella riduzione dei rifiuti conferiti in discarica, al netto della riduzione della produzione, del riciclaggio e del recupero di materia e di energia. Se andiamo ad analizzare quest’ultimo dato, vediamo che nell’ambito territoriale delle provincia di Venezia la percentuale di rifiuto urbano conferito in discarica si attesta in molti casi oltre il 95%, costituendo una situazione di eccellenza a livello nazionale.

LA CLASSIFICA

CEGGIA                                                                 83,49%

CINTO CAOMAGGIORE                                     83,23%

GRUARO                                                               79,54%

PRAMAGGIORE                                                  79,26%

TEGLIO VENETO                                                 78,63%

FOSSALTA DI PORTOGRUARO                      78,45%

SAN STINO DI LIVENZA                                    77,69%

CONCORDIA SAGITARIA                                 76,93%

PORTOGRUARO                                                 76,81%

ANNONE VENETO                                             75,66%

PIANIGA                                                                75,18%

MARTELLAGO                                                     75,10%

MEOLO                                                                  75,04%

SAN DONA’ DI PIAVE                                        74,67%

SALZANO                                                             73,59%

QUARTO D’ALTINO                                            73,40%

TORRE DI MOSTO                                              72,87%

NOVENTA DI PIAVE                                           72,19%

STRA’                                                                     72,07%

FOSSALTA DI PIAVE                                         71,79%

MUSILE DI PIAVE                                               71,19%

FOSSO’                                                                  70,77%

MARCON                                                              70,67%

SPINEA                                                                 70,19%

SANTA MARIA DI SALA                                     70,08%

CAMPAGNA LUPIA                                            69,39%

CAVARZERE                                                       68,33%

CAVALLINO TREPORTI                                     68,29%

FIESSO D’ARTICO                                              68,04%

CAMPONOGARA                                                67,89%

CAMPOLONGO MAGGIORE                             67,49%

ERACLEA                                                             66,97%

SCORZE’                                                               62,07%

DOLO                                                                     61,14%

CHIOGGIA                                                             60,14%

MIRANO                                                                59,39%

VIGONOVO                                                           59,03%

MIRA                                                                      58,34%

NOALE                                                                   56,41%

SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO                  55,96%

CAORLE                                                                47,19%

JESOLO                                                                 43,12%

VENEZIA CENTRO STORICO                          27,93%

VENEZIA TERRAFERMA                                  45,93%

Il comune di Cona non è presente in quanto ha un altro gestore.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0