Fiumicino, mangiano cibo scaduto morti i cosentini Domenico e Francesco Paladino

I sanitari del 118 nell’abitazione hanno trovato morti due uomini di 50 e 57 anni; il figlio di uno dei due è stato portato all’ospedale di Bracciano. I tre, di origini calabresi, avrebbero mangiato cibo conservato artigianalmente.

A scoprire i cadaveri dei due uomini, Domenico e Francesco Paladino (zio e nipote), sono stati i vicini di casa. I tre, originari di un paese in provincia di Cosenza, avrebbero mangiato carne, insalata e alcune conserve sott’olio artigianali e proprio quest’ultime sarebbero state la causa della morte. Domenico Paladino era un medico, il nipote Francesco faceva il barista.

Leonardo Paladino, il giovane intossicato a Fiumicino è stato trasferito dall’ospedale di Bracciano al Policlinico Gemelli di Roma, dove è in trattamento presso il Dipartimento di Emergenza (Dea). Il giovane, rende noto il Policlinico Gemelli, è in prognosi riservata, le sue condizioni sono stabili ed è cosciente. Sono in corso accertamenti per capire l’origine dell’intossicazione.

9 su 10 da parte di 34 recensori Fiumicino, mangiano cibo scaduto morti i cosentini Domenico e Francesco Paladino Fiumicino, mangiano cibo scaduto morti i cosentini Domenico e Francesco Paladino ultima modifica: 2013-03-23T17:51:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0