Anche contro il Mibac Crotone vuole la Settimana della Cultura

 

Con una nota diramata oggi dalla sede di via Mario Nicoletta, la Provincia di Crotone informa che assieme al Comune capoluogo ad agli altri ventisei comuni del territorio, intende “organizzare la Settimana della Cultura nonostante il Mibac quest’anno abbia comunicato di non volerla organizzare per una questione di tagli ai fondi”. Questo è quanto è emerso dalla riunione tra l’Ente intermedio ed alcuni rappresentanti dei Comuni crotonese, la quale – è scritto nella nota – “fa seguito ad una lettera aperta che, nei giorni scorsi, Provincia e Comune di Crotone avevano inviato alla Regione ed a tutti gli assessori alla Cultura delle 5 province e dei comuni del crotonese”. E l’assessore provinciale alla Cultura Giovanni Gentile scrive di aver avvertito “la necessità di chiedere la collaborazione a tutti i comuni, alle associazioni culturali, alle librerie, ai centri culturali, a chi si occupa di spettacolo, per cercare di organizzare un cartellone di iniziative che possano tenersi dal 14 al 21 aprile prossimi. Ho già chiesto la disponibilità a quanti hanno veramente a cuore le tematiche culturali ed artistiche affinché, anche in assenza del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, si possa proporre qualcosa”. E non solo. “Un taglio ai fondi del Mibac -scrive Antonella Giungata assessore comunale – rappresenta un taglio al futuro del Paese. Le risorse destinate a queste attività non rappresentano assolutamente uno sperpero, al contrario, rappresentano un investimento e creano civiltà. Ho accolto favorevolmente l’invito dell’assessore Giovanni Lentini perché occorre lavorare in squadra. Sono certa che grazie anche ai comuni del territorio saremo in grado di operare sinergicamente

9 su 10 da parte di 34 recensori Anche contro il Mibac Crotone vuole la Settimana della Cultura Anche contro il Mibac Crotone vuole la Settimana della Cultura ultima modifica: 2013-03-22T14:27:58+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0