8 Marzo altro che mimosa!

 

8 marzo: giorno dedicato alla donna. Bene! Una breve riflessione, però, è d’uopo anche alla luce degli ultimi avvenimenti davvero non felici nei riguardi delle donne. È dalla fine della seconda metà dell’800 che i movimenti femminili elaborano le basi sulle quali le generazioni future di donne organizzeranno la propria emancipazione e liberazione. Ma oggi a che punto siamo? Che possiamo dire e fare l’8 marzo che ormai da anni è dedicato alla celebrazione della donna, alla quale vengono offerti mazzetti di mimosa. Già, la mimosa! Può bastare un grazioso e piacevole fiore per dire “grazie” alla donna, perché così dovremmo fare. Grazie donna! Certamente, sul piano legislativo molta strada è stata fatta dalla seconda metà del secolo scorso, del millennio passato, ma sul piano del costume e della mentalità non siano messi bene. Se è vero che dal 2003 la presenza femminile, la famosa “quota rosa”, nei vari parlamenti e parlamentini è aumentata; se è vero che il cosiddetto “sesso debole”, ma poi debole perché? chi l’ha mai pensato?, insomma le donne nei posti dirigenziali, dall’industria alla scuola, sono aumentate e con molta diligenza, non è altrettanto vero che la donna è “rispettata” “in casa”. È un dato drammatico: nel nostro Paese più di cento donne sono vittime di omicidi dentro le mura domestiche. E purtroppo il dato statistico va ulteriormente aumentando. Le cronache degli ultimi giorni, delle ultime settimane ce lo confermano. Dobbiamo parlare di allarme, allarme sociale? Certamente sì! La mia riflessione non vuole soffermarsi, solo, sulle fondamentali e sacrosante rivendicazioni che riguardano la parità dei diritti, quanto piuttosto su alcuni aspetti che sono di supporto a tali rivendicazioni. Ciò di cui le donne, oggi, hanno ancora bisogno è la consapevolezza delle proprie qualità, del proprio valore e del loro compito nella società civile. Altro che “sesso debole”! Non un femminismo vacuo! Insomma, ben vengano le conquiste, sempre di più, sul piano pubblico, che non escludano però la riscoperta di una femminilità che si realizza tendendo alla solidarietà, alla cura, all’ascolto e certamente anche in un rapporto con il potere diverso da quello logoro e corrotto dei nostri tempi. Gli studi, sulla questione, di questi anni dimostrano che le differenze non consistono in un divario intellettivo e dintorni, ma nel modo diverso che uomini e donne hanno di leggere la realtà che condividono, nel diverso interesse che entrambi dimostrano nei confronti degli affetti e nelle realizzazioni personali. È necessario, insomma, esperimentare nuove regole per una convivenza civile e armoniosa in cui le due metà del cielo possano realizzare pienamente la propria personalità. Infine, un cenno, non secondario, alle donne, diciamo così, più che mature, non anziane e soprattutto non vecchie come gli oggetti usa e getta. Anche queste nostre nonne, che ormai sono più che giovani, hanno tanto da dire soprattutto se non le escludiamo dai vari contesti familiari e sociali. Le loro esperienze, le sofferenze patite, i traguardi raggiunti saranno di conforto importantissimo per figli e nipoti per crescere.  E sì che possiamo donare una mimosa e non una rosa chè le nostre donne conoscono molto bene il valore del risparmiare!

9 su 10 da parte di 34 recensori 8 Marzo altro che mimosa! 8 Marzo altro che mimosa! ultima modifica: 2013-03-07T14:36:37+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0