Genova, ladri riconosciuti grazie al “bottino”

Si dice che l’assassino torni sempre sul luogo del delitto. Ma anche il ladro, a volte, ci casca. È quello che è successo a due stranieri, arrestati lunedì pomeriggio a Genova. I due, un marocchino di 40’anni e un algerino di 27, lo scorso 8 febbraio avevano rubato diversi capi di abbigliamento e un trolley in un negozio di via XX Settembre. I loro volti erano rimasti impressi nei video del sistema di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, ma di loro due si erano perse le tracce. Fino a lunedì, quando la coppia è tornata nello stesso negozio, con lo stesso trolley usato, pochi giorni prima, per nascondere la merce rubata. I due, però, sono stati notati e riconosciuti nei pressi dello stesso esercizio commerciale: a incastrarli sono state le riproduzioni fotografiche e quel trolley, completamente vuoto. Per i due, che sono stati identificati, è scattata la denuncia per furto aggravato in concorso.

9 su 10 da parte di 34 recensori Genova, ladri riconosciuti grazie al “bottino” Genova, ladri riconosciuti grazie al “bottino” ultima modifica: 2013-02-13T10:13:18+00:00 da Valeria Abate
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0