Copertino, suicidio dell’imprenditore vinicolo Mario Petito, pista dell’usura

Si indaga sulle motivazioni che hanno spinto al suicidio il Presidente della storica cantina sociale Cupertinum, deceduto il 20 gennaio scorso dopo aver ingerito un diserbante. Il sospetto che si va facendo strada negli investigatori è che dietro il gesto estremo vi sia l’usura. Si tratta al momento di una ipotesi in attesa di conferme, ma è molto credibile che Mario Petito, messo alle strette dagli strozzini, abbia deciso di farla finita.

I militari dell’Arma avrebbero effettuato diverse perquisizioni. Ispezioni nelle abitazioni di alcuni soggetti, più o meno vicini all’attività professionale di Petito. A conclusione delle verifiche, i Carabinieri si sarebbero trovati nella necessità di sequestrare materiale giudicato interessante ai fini probatori.

9 su 10 da parte di 34 recensori Copertino, suicidio dell’imprenditore vinicolo Mario Petito, pista dell’usura Copertino, suicidio dell’imprenditore vinicolo Mario Petito, pista dell’usura ultima modifica: 2013-02-08T19:48:50+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0