Bologna, evasione fiscale nei guai imprenditore cinese

Compiva concorrenza illecita. Tra gli strumenti utilizzati fatture per operazioni inesistenti per quasi 600 mila euro emesse da un’azienda di Bologna di cittadini cinesi allo scopo di ridurre l’imponibile fiscale e di creare fondi “neri”.

Per questo le Fiamme Gialle di Udine hanno sequestrato un immobile e conti correnti bancari per oltre 100 mila euro a un imprenditore cinese titolare di una società manifatturiera.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, evasione fiscale nei guai imprenditore cinese Bologna, evasione fiscale nei guai imprenditore cinese ultima modifica: 2013-01-28T10:49:22+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0