Campagna elettorale in versi /5 – Giuseppe Morabito: “No rrizzicu ma rrùsicu, a fazzu da patroni, e mali chi mi vai, pi mmia sa’ chi mbentaru? L’arrestu a domiciliu!”

 Giuseppe Morabito è nato a Reggio Calabria il 21 giugno del 1928, insegnante di lingua e letteratura francese nelle scuole medie, si è dato da subito alla poesia con canti d’amore, di gioia, di malinconia, lirici e satirici. La prima raccolta “E cuntàmula ru peri” appare nel 1982 con componimenti lirico – sentimentali, satirici e favolistica; nel 1986 ritorna con “L’undata” che raccoglie liriche, satire, tipi e figure; successivamente (1988, 1990 e ’92) dà alle stampe le sillogi poetiche “A via”, “Comu ‘na foggia” e la raccolta di “Favole”.

Per Pasquino Crupi il Morabito “ha due occhi, occhi policromatici. Con uno guarda a ciò che fu, e, allora la materia dei ricordi […] corre nei suoi versi senza aggrondata mobilia nostalgica. Con l’altro guarda a ciò che è: alle periferie del mondo, alle ingiustizie sociali, ai nidi di stracci e di povertà”.

Della figura e della poetica di Giuseppe Morabito si sono interessati a vario titolo ed in tempi e modi diversi: Antonina Corsaro, Italo Falcomatà, Vincenzo Paladino e Antonio Piromalli.

 

‘U surici puliticu

 

No’ rrìzzicu ma rrùsicu,

nci rissi ‘u zzoculuni

a sso’ fratastru ‘u tìsicu

a fazzu da patroni!

 

Non sugnu nduccu e stròlicu:

mi campu com’a ttia

chi mangi scorci fràciti

mundizza e pporcherìa,

 

chi stai cusì ‘ntanatu

‘dijunu nto tumbinu:

si tuttu spilacchiatu,

mi pari un filarinu!

 

Jeu mbeci m’arrimìnu

E trasu chianu chianu,

aundi nesci ‘u sgobbu,

aundi nc’è mi sgranu!

 

Ampèna sentu sciàvuru

o rràschiu di furmaggiu

u baffu e ‘a cura ‘ntisicu,

mi jettu all’arrembaggiu!

 

Mi ‘ntrùfulu, mi spùlicu

scafali e ccifuneri,

pì mmia no’ nci su tràppuli,

vilenu e suriceri!

 

Su’ zzòcculu pulitici,

compari ru jattuni

chi ffaci ‘a sentinella

nda stanza ri buttuni!

 

Mi mpaddhu, fazzu abbusi,

e a mme cummari ‘a jatta,

nda ll’occhi cari ddhusi,

nci scindi ‘a catarratta!

 

Si ppoi mi veni anfatta

mi trasu o’ Quirinali,

mi futtu puru ‘a sola

c’a peddhi ru stivali!

 

No’ rrizzicu ma rrùssicu,

a fazzu da patroni,

‘a tràppula no’ scatta

si rrobba ‘u zzoculuni!

 

E mali chi mi vai,

si stentu m’a cunciliu,

pi mmia sa’ chi mbentaru?

L’arrestu a domiciliu!

 

Giuseppe Morabito

9 su 10 da parte di 34 recensori Campagna elettorale in versi /5 – Giuseppe Morabito: “No rrizzicu ma rrùsicu, a fazzu da patroni, e mali chi mi vai, pi mmia sa’ chi mbentaru? L’arrestu a domiciliu!” Campagna elettorale in versi /5 – Giuseppe Morabito: “No rrizzicu ma rrùsicu, a fazzu da patroni, e mali chi mi vai, pi mmia sa’ chi mbentaru? L’arrestu a domiciliu!” ultima modifica: 2013-01-24T09:29:01+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0