Pescara, porto canale una barzelletta chiamata dragaggio

“Pescatori ormai rovinati, collegamenti con l’altra sponda dell’Adriatico da dimenticare, insabbiamento dei trabocchi sempre più vasto, inquinamento dell’acqua preoccupante in previsione della stagione balneare e chi più ne ha più ne metta.

“In tempi normali e con amministrazioni pubbliche efficienti, questo dovrebbe essere solo il cartellone di una farsa teatrale, invece è la situazione reale di fiume e costa e della altrettanto reale rovina dell’economia ittica della Città”. Si legge in una nota di Pescara Capoluogo d’Abruzzo.

Intervento netto e netta presa di posizione del leader di Pescara Capoluogo d’Abruzzo, Roberto Santuccione, sulle pagine del blog ufficiale del movimento biancazzurro. “Prima eravamo sconcertati dalla mancanza di azione da parte della politica locale, oggi siamo indignati per la manifesta incapacità, a tutti i livelli, nel trovare sia una soluzione temporanea come l’immediato dragaggio del fiume, sia a pianificare un serio intervento sulla diga foranea, vera responsabile del disastro economico-ambientale di fiume e mare circostante ai moli.

La marineria è praticamente rovinata e a poco servono le misere ore di cassa integrazione concesse dagli organi locali. Sembra quasi che ci sia la volontà di mandare tutto all’aria e non semplice incompetenza politico-amministrativa. Il problema è serio e deve essere risolto prima che decine e decine di famiglie, lagate a vario titolo al mondo della pesca, perdano tutto. E’ una cosa inaccettabile, al limite del ridicolo adolescenziale, che le responsabilità, la politica, se le scarica a vicenda in una sorta di macabro balletto a danno della pesca.

Se gli amministratori locali – conclude il leader biancazzurro – non pongono rimedio al loro stallo, si porteranno sulla coscienza un peso non indifferente”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pescara, porto canale una barzelletta chiamata dragaggio Pescara, porto canale una barzelletta chiamata dragaggio ultima modifica: 2013-01-19T17:47:27+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0