Gela, colpo al gruppo Alferi 28 arresti

Blitz contro l’associazione armata che la squadra mobile di Caltanissetta ha sgominato arrestando, durante la notte, 28 persone di cui 24 in carcere e 4 ai domiciliari. Anche se detenuto nel carcere di Catanzaro, il boss Giuseppe Alferi comunicava con l’esterno, dando ordini, attraverso lo scambio dei pacchetti di fazzolettini che portavano nel parlatorio.

I provvedimenti, emessi dal gip Alessandra Bonaventura, su richiesta della Dda nissena, sono stati eseguiti con l’ausilio degli agenti del commissariato di Gela e delle questure di Asti e Pavia, nell’ambito di un’operazione denominata “Inferis”. Il clan, fondato e diretto da Giuseppe Alferi soprannominato “U Jerru”, dal 2005 si sarebbe ritagliato uno spazio negli affari illeciti, contrapponendosi allo strapotere della Stidda e rendendosi autonomo da Cosa Nostra, di cui però si dichiarava alleato. L’organizzazione criminale si era ricavata uno spazio tra le due che operano nel territorio. Secondo gli investigatori, il nuovo sodalizio mafioso era dedito “alle estorsioni, alla gestione di un vasto giro di usura, alla ricettazione, all’imposizione del prezzo della frutta (in particolare delle angurie) con illecita concorrenza e usando violenza e minacce. Inoltre, era entrata nella raccolta di materiali ferrosi ai danni di commercianti e artigiani; nell’occupazione abusiva (e successiva vendita) di case popolari dell’Iacp. L’organizzazione disponeva di uomini, armi e mezzi. Organizzata in “squadre”, eseguiva furti di denaro e gioielli nelle abitazioni in città, mentre nelle campagne andava alla ricerca di ferro, rame, alluminio, e di materiale di valore. Rubavano di tutto: auto, furgoni, attrezzature e automezzi industriali per poi restituirli con il cosiddetto metodo del “cavallo di ritorno”, cioè dietro pagamento di un riscatto in denaro.

Il boss Giuseppe Alferi comunicava con l’esterno, dando ordini, attraverso lo scambio dei pacchetti di fazzolettini che portavano nel parlatorio del carcere sia lui che le persone che lo andavano a trovare, soprattutto la moglie, Silvana Cialdino, e l’amante Maria Azzarelli. Era quest’ultima che nascondeva le armi, prestava denaro a usura, ricettava la refurtiva e occupava gli immobili, svolgendo in assenza del capo funzioni di raccordo e di controllo della banda. Una terza donna, Antonella Bignola, dipendente della sala Bingo di Gela, procacciava i clienti indebitati ai quali prestare denaro a usura. La ferocia della banda si manifestava con attentati dinamitardi e incendiari ad auto e negozi, spari contro saracinesche, vetrine e abitazioni e con atti intimidatori anche in danno di integerrimi esponenti delle forze dell’ordine. Un consistente contributo alle indagini è stato dato da Emanuele Cascino, figlioccio e fedelissimo del boss, che per dimostrare la propria devozione al “padrino” se ne era fatto tatuare il volto tra spalle e schiena. Ma sfuggito a tre agguati, per contrasti esplosi all’interno della banda, Cascino é scappato da Gela, rifugiandosi al Nord, e ha deciso di collaborare con la giustizia, malgrado Alferi gli abbia fatto sapere che era disposto a riprenderlo garantendogli ogni immunità.

9 su 10 da parte di 34 recensori Gela, colpo al gruppo Alferi 28 arresti Gela, colpo al gruppo Alferi 28 arresti ultima modifica: 2013-01-15T06:36:32+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0