Campagna elettorale in versi /3 – Achille Curcio Ni conzaru alla gravigghia

70

 Nato a Borgia il 25 maggio 1930, ma catanzarese di adozione, insegnante elementare, Achille Curcio è uno dei poeti dialettali calabresi molto prolifico avendo pubblicato tante raccolte di successo quali “Lampari”, “Hjumara”, “Visioni del Sud”, “Tirituppiti catta ‘a lira” ed altre, oltre saggi ed articoli di cultura popolare. Per lo scrittore e critico Sharo Gambino, il Curcio “con ricca variazione di temi e toni, si è inserito nella migliore tradizione vernacolare calabrese con un sorriso agrodolce, ma di tanto in tanto afferra la bottiglietta dell’acido prussico e ne spruzza il contenuto sui personaggi, i suoi personaggi, quelli, vale a dire, che presi dalla realtà, sono stati mutati d’aspetto esteriormente, ma lasciati tali e quali all’interno. Assai spesso però si lascia prendere dalla malinconia, dallo struggente ricordo del passato, e allora ci regala momenti di autentico lirismo”.

  Ni conzaru alla gravigghia   …Appicciativi lu radiu mu si sentiti cu chi festa lu governu si prepara mu divaga la tempesta.   Nt’a nottata si jungiru e ncararu la benzina, gassu, lucia, ferrovia, ogghiu, pasta e la farina. Pe nu chilu de patati hai mu mpigni la cammina e la carna è ormai nu lussu mu l’accatti a stu paisi!   Ohi cummara Tiresina, vui daveru mi parrati? Io non sacciu nenta de sti brutti scoppulati; ca chi cazzu mò m’accattu precurati fora manu?! mu cucinu a Vitalianu s’haju sulu milli liri   …Io m’avìa quasi prejatu cà cangiava la sonata, cà i compagni a lu governu mò conzavanu ‘a pignata   e ngrignavanu li denti mu difendanu i  sciancati   cà, mannaja la sirena, simu sempa disperati.   …Mò vidimu chi succeda donn’Ernestu ormai partiù mu difenda li diritti e a tutti promentiù   ca presenta nu riparu e ni duna na leziona, chi a lu populu affamatu serva ‘u sana quistiona.   Ohi cummara Tiresina, puru vui siti nciotata? puru vui jati cridendu ca nc’è ncunu a la jornata chi difenda lu pezzenti?   I signori d’o governu hannu china la dispensa cà vinciru ormai lu ternu. Donn’Ernestu si si ncazza, senza mancu ‘u pigghia jatu, fa n aleggia mu si chiuda culu e vucca a lu sciancatu.   …Pe sta genta, nu sciancatu ha mu mangia tantu quantu o “una tantum” dicìa lu superi donnu Santu;   cà si ‘u populu s’abbutta cchiù non renda si fatica…   Donn’Ernestu si nda futta De cu mangia e cui dijuna, de cui alija e de cui grutta…   Ni conzaru a la gravigghia e la genti è ormai perduta; ncararu tuttu a na jornata a la surda ed a la muta   e a lu populu sciancatu, chi ava sempa mu penija, si cunzigghia ‘u stringia forta ogni jornu la currià.   Vui chi si  sbertu E girati ogni città, mi spiegati chi è sta cosa chi si chiama “austerità”?…   …Sta parola corijusa serva ‘u futti li cristiani; risparmiando, risparmiando lu governu nte li mani   poi si trova na montagna de dinari senza cuntu. Ed allora la naziona Para sarva; m’a st puntu   Nescia fora nu marpiuna chi si futta la pappata: cu i dinari si nda fuja e ti facia na vrazzata.   Tuttu chissà succeda cà tornaru li briganti…   …chi scangiaru ‘u parlamentu pe na fabbrica ‘e dinari… …È nu mundu è mangia mangia…   …Po’ sperara, ‘on è peccatu e guardando la questiona poi capiscia l’uguaglianza e non ava ‘a tentaziona   mu si scorda ca’ stu mundu simu tutti ormai fratelli: guarda ‘Ntoni lu sciancatu, non è frata a Gianni Agnelli?   Achille Curcio