Crotone, il Presidente Zurlo plaude all’orafo Affidato

 

Alle radici dell’Europa. Progetto Magna Graecia, un grande passo davanti a noi” con questo tema, come già ricordato in una precedente nota,  è stata allestita nei giorni scorsi, a Bruxelles presso la sede del Parlamento Europeo, una mostra archeologica organizzata dalla Società “Progetto Magna Graecia” presieduta dall’europarlamentare Pino Arlacchi e diretta da Antonella Freno, in house alla Regione Calabria e dalla Direzione Regionale della Soprintendenza Beni Archeologici della Calabria. Esposti sette tesori del patrimonio archeologico calabrese:la Testa del Filosofo, il Kouros di Reggio, il Dioscuro di Locri, il Toro Cozzante di Sibari,la Stele marmorea di Crotone, l’Elmo corinzio di Vibo Valentia e il Cratere con scene di caccia di Gioia Tauro. Insieme a tanto  patrimonio archeologico regionale, il 13 ed il 14 novembre scorsi, hanno trovato spazio nella mostra di Bruxelles anche le eccellenze del settore agroalimentare, artigianato e manifatturiero della Calabria di oggi. Per questo settore di mostra è stata scelta l’arte orafa del crotonese Michele Affidato quale simbolo della Calabria che produce e si fa apprezzare nel mondo.  Dal mondo imprenditoriale come da quello politico sono pervenuti molti apprezzamenti per il prestigioso riconoscimento offerto a Michele Affidato. Così anche il Presidente della Provincia di Crotone Stano Zurlo ha voluto esprimere tutta la sua soddisfazione per quanto espresso dall’orafo crotonese  in un ambito così prestigioso ed autorevole come l’Unione Europea. “Ancora una volta – scrive Zurlo- Michele Affidato si distingue per il suo estro artistico portando avanti il nome di Crotone ben oltre i confini nazionali, confermandosi tra gli artisti che meglio rappresentanola Calabria positiva e produttiva”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Crotone, il Presidente Zurlo plaude all’orafo Affidato Crotone, il Presidente Zurlo plaude all’orafo Affidato ultima modifica: 2012-11-23T09:39:25+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento