Sequestrata l’area del nuovo porto turistico di Fiumicino

L’operazione è stata condotta dai Finanzieri su disposizione della Procura di Civitavecchia. All’origine del provvedimento vi sarebbero carenze strutturali e problemi di stabilità e sicurezza. Notificati sette avvisi di garanzia. L’accusa ipotizzata dagli inquirenti è frode nelle pubbliche forniture. Tra loro anche il costruttore Bellavista Caltagirone.

Il porto turistico, costo stimato di circa 400 milioni di euro, interessano un’area di oltre un ettaro. Tre gli indagati c’è anche l’imprenditore Francesco Caltagirone Bellavista, titolare del gruppo Acqua Pia Antica Marcia.

Lascia un commento