Petilia Policastro, acquistano con banconote false in manette Gianluca Maiorano, Giuseppina Filippelli e Alfonso Sestito

Arrestati Gianluca Maiorano 33 anni, la moglie Giuseppina Filippelli, 27 anni, e Alfonso Sestito, 26 anni, tutti provenienti da Cirò Marina. I tre, dalla ricostruzione dei militari, hanno impiegato tutta la giornata nel fare acquisti nei paesi dell’Alto Marchesato con banconote da 50 euro quasi del tutto simili a quelle originali. I tre soggetti hanno effettuato piccole spese. L’obiettivo era spendere il minimo necessario con la banconota falsa, per poi ricevere il resto in valuta originale nei Comuni di Cotronei, Petilia Policastro e Mesoraca.

Una commerciante, accortasi in ritardo della banconota fasulla, ha avvisato la pattuglia della Stazione di Mesoraca. Una volta ricevuta la segnalazione dell’autovettura sulla quale viaggiavano i tre, le vie di uscita del paese sono state “sigillate” da posti di blocco di altre pattuglie fatte confluire in zona. Proprio all’uscita del paese la pattuglia della stazione di Roccabernarda, con a capo il nuovo Comandante di Stazione Maresciallo Marco Fontanella, ha intercettato e fermato l’autovettura sulla quale viaggiavano i tre.

Condotti presso il Comando Compagnia di Petilia Policastro, sono stati trovati in possesso di una cinquantina di banconote dello stesso taglio, la maggior parte delle quali occultate negli indumenti intimi della donna, tra l’altro incinta di tre mesi, e di Sestito. Inoltre i militari hanno cercato di individuare i negozi ove vi erano state poche ore prima le spendite di banconote false. Dall’analisi e comparazione degli scontrini sono stati individuati nove esercizi commerciali nei tre Comuni e una volta contattati, i commercianti raggirati hanno immediatamente raggiunto il Comando Compagnia per sporgere querela. I tre sono stati dichiarati in arresto.

Lascia un commento