Roberto Benigni ha festeggiato 60 anni

Un compleanno speciale per uno dei simboli dell’Italia nel Mondo. Che verrò festeggiato, seppur con un po’ di “ritardo”, con il ritorno su Rai 1 il 17 dicembre per una serata evento a cui tiene moltissimo, che ha deciso di intitolare ‘La più bella del mondo” e di dedicare alla Costituzione italiana.

Nato a Castiglion Fiorentino il 27 ottobre 1952 ma cresciuto a Vergaio, vicino Prato, è attore, cantante, comico, regista, sceneggiatore, intrattenitore televisivo. Fra i tanti riconoscimenti ricevuti per il suo lavoro, vanta due Premi Oscar ricevuti nel 1999 come miglior attore e per il miglior film in lingua straniera per “La vita è bella”. Nel 2007 viene, inoltre, candidato al Premio Nobel per la letteratura, principalmente per l’impegno profuso in favore della diffusione della Divina Commedia di Dante Alighieri, che negli ultimi anni diventa uno dei suoi impegni artistici maggiori con tour anche all’estero. E l’attore toscano non fa che ricevere consensi di pubblico e critica anche per la sua capacita’ unica di mescolare elementi d’attualità alle sue lecturae Dantis, pronto a scatenare l’ilarità della platea e ad alleggerire la lezione colta.

Le sue apparizioni televisive passano spesso alla storia per la capacità di Benigni di sovvertire il clima dei programmi che lo ospitano. Memorabili l’inseguimento della Carrà alla ricerca di una visione delle parti intime della conduttrice, che per fuggire tra le risate cade sul palco, e l’epiteto “Wojtylaccio” pronunciato durante il Sanremo del 1980 per apostrofare il Papa venuto dall’Est, con un’espressione tra l’irriverente e l’affettuoso, di stampo tipicamente toscano.

Nel ’72 si trasferisce a Roma, dove pochi anni dopo fa un incontro fondamentale, quello con Giuseppe Bertolucci. Con lui inventa il personaggio di Cioni Mario, un contadino toscano, in gran parte autobiografico, che contiene l’ambivalenza che caratterizza anche in seguito le sue interpretazioni, da un lato, una smisurata esuberanza gestuale e soprattutto verbale; dall’altro un candore quasi infantile, una vena di surreale e malinconica poesia. Il personaggio di Cioni suscita anche grande scandalo e molti interventi censori, nella serie televisiva “Onda libera” e “Vita da Cioni”, approdando infine al cinema nel 1977 nel film, diretto e sceneggiato dallo stesso Giuseppe Bertolucci, “Berlinguer ti voglio bene”.

A Roma Roberto frequenta anche Arbore, il suo giro e le sue trasmissioni ed appare nei suoi film. Ma con Bertolucci, Benigni scrive il suo primo film “Tu mi turbi” (1983) e il suo primo grande successo al botteghino e di cassetta “Non ci resta che piangere” (1984), che lo vede assieme anche ad un altro grande attore e regista, Massimo Troisi. Sempre tramite Giuseppe Bertolucci fa un altro incontro determinante. Entra in contatto con lo sceneggiatore Vincenzo Cerami, che scrive con lui i film della fase più matura della sua carriera da “Il piccolo diavolo” (1988) a “Johnny Stecchino” (1991), da “Il mostro” (1994) al film della consacrazione “La vita è bella” (1997). La pellicola si aggiudica due Oscar (in una notte memorabile in cui la vittoria di Roberto viene annunciata da una emozionata Sophia Loren e viene accolta da Benigni saltando sui braccioli del Kodak Theatre e sulle teste dei divi Hollywood per raggiungere il palco) e diventa il film italiano con il maggior incasso di sempre pari a 31.231.984 euro. Record detenuto fino ai primi mesi del 2011 quando viene superato da “Che Bella Giornata” di Checco Zalone.

Gli ultimi due film da regista di Benigni “Pinocchio” (2002) e “La tigre e la neve” (2004) vengono ben accolti in Italia ma non ottengono un gran riscontro all’estero. Per il resto le uniche altre apparizioni cinematografiche che Benigni si è concesso nell’ultimo quindicennio sono quelle in “Asterix e Obelix contro Cesare” di Claude Zidi (1999) e in “To Rome with Love” di Woody Allen dell’anno scorso.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roberto Benigni ha festeggiato 60 anni Roberto Benigni ha festeggiato 60 anni ultima modifica: 2012-10-28T04:40:28+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0