Crotone, Ministro Passera venga in città

Il sindaco di Crotone Peppino Vallone, dopo l’incontro dei giorni scorsi a Roma presso la Direzione Generale del Ministero  delle Infrastrutture e dei Trasporti al quale ha partecipato anche  l’assessore  comunale ai trasporti Francesco Stabile, indirizza una missiva al Ministro Passera: “Caro Ministro, venga a trovarci, così potrà constatare di persona lo stato del trasporto ferroviario crotonese”. Perchè quest’invito all’uomo di Governo? Ma per verificare di persona “le condizioni in cui versa il territorio della fascia ionica della Calabria sono di forte disagio”. Insomma, come specifica meglio il Sindaco, “alla già drammatica condizione socio economica del territorio si associa la mancanza endemica di infrastrutture che impedisce di fatto qualsiasi prospettiva di sviluppo della  nostra terra.
La soppressione dei treni a lunga percorrenza ha di fatto cancellato la mobilità pubblica su una vasta area, riportando indietro, in un periodo a noi sconosciuto, quanto in 150 anni di storia del paese era stato costruito. Esempio emblematico è stata la recente chiusura della biglietteria ferroviaria della stazione di Crotone, caso, crediamo, unico nelle città capoluogo di provincia. Eppure l’Italia presenta al riguardo novità importanti; l’alta velocità è ormai una realtà tangibile che mette la nostra Nazione al passo con il resto dell’Europa.
Tuttavia, in uno scenario del genere,  non riusciamo a comprendere le ragioni di un abbandono totale di una parte significativa del Paese. Abbiamo sentito più volte che i tagli sono derivati da una mancanza di domanda, ma viceversa, al riguardo riscontriamo un aumento del trasporto su gomma in direzione di tutte le località italiane. Sono solo delle piccole note nella complessità di in problema più generale. Potremmo continuare citando lo stato penoso i cui versa la SS. 106, tristemente nota come “strada della morte” o le paventate notizie sulla soppressione dei piccoli aeroporti. A tal riguardo ricordiamo che l’aeroporto S. Anna è l’unica infrastruttura che consente ai cittadini di un’area vasta di essere collegati con il resto del paese. Signor Ministro, un numero consistente di sindaci della fascia ionica Le aveva chiesto, già nel mese di aprile, un incontro, sollecitato più volte ma mai avvenuto, e credo, anche a nome dei colleghi amministratori di poter esprimere il dovuto rammarico. Fare il Sindaco è per chi Le scrive una missione importante, significa stare sul territorio al fianco dei cittadini e condividerne i problemi che, in realtà come la nostra, spesso sono portati a conseguenze estreme. Sono certo che Ella analogamente intende svolgere il Suo compito di Ministro a fronte dei problemi esposti. La invito formalmente nella Città di Crotone dove potrà verificare personalmente il disagio rappresentato. Sono certo, che da uomo di Stato quale è, non farà mancare un Suo cortese riscontro”.