Trattativa Stato Mafia, Taormina denuncia Napolitano

Convocato per il 13 settembre il Comitato parlamentare per i procedimenti d’accusa, l’organismo che esamina esposti contro il Capo dello Stato. A denunciarlo l’avvocato Taormina secondo il quale il Presidente della Repubblica avrebbe attentato alla Costituzione “tentando di interferire nell’attività dei magistrati di Palermo che stanno indagando sulla trattativa Stato-Mafia”.

Taormina, nell’esposto-denuncia, sostiene che il Capo dello Stato, con la telefonata partita dal Quirinale verso il Pg della Cassazione Vitaliano Esposito e con la decisione di sollevare il conflitto di attribuzione davanti alla Consulta, “abbia compromesso i principi di autonomia e indipendenza della magistratura” palermitana.

Tuttavia, l’intenzione del Comitato sarebbe quella di archiviare subito perché la denuncia “sarebbe fondata solo su alcune ricostruzioni giornalistiche”.