A Malpaga giornata in campo per il progetto Grandi colture

Visita alle prove in campo degli ibridi del mais e delle varietà di sorgo e tavola rotonda sulle scelte agronomiche per una agricoltura sostenibile con il progetto “Grandi colture 2012”.

La giornata si svolgerà martedì 11 settembre 2012, nell’azienda agricola Malpaga Srl, piazza Castello 6, frazione Malpaga di Cavernago. Alle ore 8.30 il ritrovo, e mezz’ora dopo, alle 9, apertura dei lavori e la visita ai campi varietali di mais e sorgo. Verranno inoltre illustrate tecniche agronomiche e metodologie colturali testate all’interno del progetto nell’azienda agricola Malpaga. Infine, alle 10.30 la tavola rotonda.

“Oltre a essere un’occasione di scambio di informazione tra gli agricoltori e i referenti scientifici, si tratta di un momento di verifica diretta e qualificata dei risultati ottenuti nelle prove sperimentali, che sono stati avviati dalla Provincia, dall’Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e Foreste, grazie alla collaborazione con alcuni agricoltori che hanno messo a disposizione la propria azienda, unitamente ai contoterzisti che hanno provveduto alle raccolte e ad alcune lavorazioni”, spiega l’assesssore all’Agricoltura Enrico Piccinelli.

Questi esempi insieme agli interessanti risvolti che stanno dando le prove di coltivazione del sorgo per uso foraggero, soprattutto nelle stagioni siccitose come quella appena trascorsa, saranno argomento di confronto e discussione unitamente ad interessanti relazioni riguardanti aspetti tecnici volti a una coltivazione sostenibile. Lavorazioni del terreno, sistemi di semina, fertilizzazione, irrigazione verranno analizzati da ricercatori, tecnici, agricoltori all’interno delle storiche sale del Castello di Malpaga a Cavernago.

Il progetto “Grandi colture” è finanziato dalla Direzione generale Agricoltura della Regione Lombardia e, grazie al coordinamento di Ersaf, realizzate in collaborazione con la Provincia di Bergamo econ i ricercatori dell’Ente nazionale Risi e del Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura.

Lascia un commento