Belluno, incidente mortale per gli alpinisti Andrea Zanon, Maudi De March e David Cecchin

Hanno perso la vita precipitando dalla via Dino e Maria, sul monte Cridola. Andrea Zanon, 38 anni, di Chies d’Alpago (Bl), Maudi De March, 36 anni, di Chies d’Alpago, e David Cecchin, 28 anni, di Belluno, aspirante, facevano parte del soccorso alpino della stazione dell’Alpago. Stavano arrampicando probabilmente per allenare il più giovane del gruppo.

Partiti per la scalata, hanno però ritardato il rientro al rifugio Padova, dove gli amici li aspettavano. Non vedendoli arrivare, i colleghi hanno lanciato l’allarme. La ricognizione dell’elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha rivelato di lì a poco la tragedia. Tra le cause dell’incidente, si pensa a un cedimento della sosta del secondo-terzo tiro, che li ha fatti precipitare per un centinaio di metri.

I corpi dei tre uomini sono stati recuperati dai soccorritori del Centro Cadore e dall’equipaggio del Suem. A causare l’incidente, si pensa sia stato un cedimento della sosta del secondo-terzo tiro, che li ha fatti precipitare per un centinaio di metri.

9 su 10 da parte di 34 recensori Belluno, incidente mortale per gli alpinisti Andrea Zanon, Maudi De March e David Cecchin Belluno, incidente mortale per gli alpinisti Andrea Zanon, Maudi De March e David Cecchin ultima modifica: 2012-08-10T20:30:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0