Linee telefoniche in tilt a Pulfero

Linee telefoniche in tilt a Pulfero (Ud). Lo denuncia il sindaco, Piergiorgio Domenis, che ha raccolto molte segnalazioni da parte della popolazione residente e non solo. “Il problema delle reti Telecom è molto serio – dice Domenis -; le connessioni non funzionano con costanza e per ogni minimo inconveniente, da un temporale a un vento forte, la rete collassa”. I disagi riguardano anche gli uffici postali: “gli sportelli non sono più in grado di erogare servizi e persino la stazione dei carabinieri non è più in grado di operare al meglio: ormai oggi tutto funziona per via telematica e se le connessioni non reggono non è possibile operare”.

L’amministrazione municipale di Pulfero, insieme ai referenti degli uffici, sta predisponendo una lettera urgente da inviare a Telecom per lamentare il grave disservizio. “Il problema – spiega il sindaco Domenis – colpisce sopratutto le persone anziane che scendono a valle per sbrigare le loro incombenze e si trovano costrette a tornare indietro quando le reti telefoniche non vanno. Ciò con tutte le difficoltà del caso: si tratta, molto spesso, infatti, di uomini e di donne senza licenza di guida, o troppo anziane per poter condurre un veicolo”. L’unico sevizio di trasporto che funziona a Pulfero per chi vive nei borghi, tra l’altro, è quello erogato dal Comune. “Facciamo il possibile per aiutare le comunità residenti nelle borgate di montagna ma il servizio offerto dal Municipio ha frequenza contenuta, mensile. Da anni si parla di telelavoro ma in queste condizioni non possiamo permetterci il lusso di pensare a un percorso simile per favorire il popolamento e lo sviluppo economico e occupazionale nel comprensorio di Pulfero e nelle Valli del Natisone. La Regione Fvg promette da anni ormai questo servizio ma, fino a oggi, nulla è stato fatto”.
www.comune.pulfero.ud.it

9 su 10 da parte di 34 recensori Linee telefoniche in tilt a Pulfero Linee telefoniche in tilt a Pulfero ultima modifica: 2012-07-24T11:47:29+00:00 da Rosa Ferro
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0