Eni, sui carburanti 20 centesimi di sconto al litro

Da sabato 16 giugno, al 2 settembre durante il weekend (dalle ore 13:00 del sabato alla mezzanotte della domenica) su circa 3 mila stazioni Eni (autostrade escluse) si risparmieranno circa 20 centesimi al litro facendo il pieno in modalità iperself (in maniera autonoma e pagando con carta di credito e bancomat) rispetto al prezzo del servito.

Uno sconto che varrà quindi facendo rifornimento da soli, pagando all’accettatore e poi impugnando il tubo, cosa che “ogni italiano dovrebbe fare- spiega Paolo Scaroni, amministratore delegato Eni- perchè in tutta Europa ci si fa benzina da soli”, con noi italiani appassionati al (più costoso) servito. Così si ottiene “uno scontone”, vanta Scaroni.

Eni toglierà 20 centesimi al prezzo dei carburanti che si praticano ogni settimana fino al 2 settembre, solo nel weekend e solo su 3 mila impianti, “ma credo che i prezzi del petrolio saranno più orientati a scendere che a salire- precisa Scaroni- e questo sconto potrebbe aggiungersi” ai ribassi.

Quello che lancia Eni “è davvero uno “scontone”, un’iniziativa unica, un segnale forte di vicinanza alle famiglie italiane- spiega Angelo Fanelli, direttore generale Refining&Marketing Eni- uno sconto che equivale a 10 euro in meno su un pieno di 50 litri”, che arriva “a 110 euro sul pieno di un camion”, con effetti anche sui difficili conti dell’autotrasporto. L’offerta varrà da sabato al 2 settembre su 3 mila impianti “fino ad esaurimento scorte- precisa Fanelli- ma per limitare al massimo l’eventualità che gli impianti possano interrompere le vendite nel corso del weekend per esaurimento del prodotto, Eni in via eccezionale li rifornirà anche nel corso della giornata di domenica”.

Assopetroli chiede all’Antitrust di verificare se l’iniziativa “Riparti con Eni”, che prevede sconti nel weekend estivi, ”non fermi lo sviluppo della concorrenza”. Lo annuncia in una nota il presidente Franco Ferrari Agardi, secondo cui bisogna verificare se si possa trattare di ”una operazione di dumping”.

Lascia un commento