Atripalda, l’ambulante Salvatore Santitore di Pagani si suicida

Ancora una vittima dell’Italia montiana. Un commerciante campano al termine di una giornata di lavoro al mercato di Atripalda, si è nascosto dietro il suo stand per darsi la morte.

Il suicida, Salvatore Santitore, 52 anni, nato a Pagani e residente a Nocera Inferiore, vendeva tessuti e generi di merceria. L’ uomo, sposato e padre di una bambina di 10 anni, si era recato al mercato comunale di Parco delle Acacie. Qui è entrato nel furgone, e si è ucciso con una cintura di tela.

Santitore era depresso per la diminuzione degli introiti derivanti dalla sua attività di ambulante, che aveva ereditato dal padre. Non riusciva a rispettare le scadenza di un mutuo e di un prestito. L’uomo, depresso, non ce l’ha fatta.

Lascia un commento