Rotaract Club d’Italia, successo per il 31° congresso nazionale

Si è concluso domenica il 31esimo Congresso Nazionale dei Rotaract Club d’Italia. Quasi 300 partecipanti, provenienti da tutti i distretti nazionali, si sono dati appuntamento per la quattro giorni che, quest’anno, ha avuto la sua sede nella splendida isola di Malta. Quattro giorni di incontro, cultura, svago e soprattutto confronto che hanno visto il momento più importante nella giornata di sabato. Al pomeriggio, infatti, durante i lavori pomeridiani, c’è stato il momento di confronto tra le varie realtà rotaractiane d’Italia. Sono stati presentati tutti i progetti che hanno finanziato i service, da sempre obiettivo principale dell’attività dei Rotaract d’Italia. I rappresentati distrettuali, chiamati sul palco, anche con l’aiuto di video e foto, hanno mostrato ai presenti le attività svolte dai rispettivi distretti. Si è così parlato di “Rotaract per bambini”, il service che permetterà l’informazione di ben cinquanta reparti di pediatria degli ospedali pubblici siciliani, di “Rotaract against cancer”, che si pone l’obiettivo di raccogliere oltre 100.000 euro per finanziare borse di studio per due giovani ricercatori dell’Istituto Piemontese di Candiolo che per tre anni si dedicheranno alla ricerca sui meccanismi d’azione delle metastasi epatiche, si è parlato di “Mapability” e di multiculturalità, si è discusso dei service attivi, come il servizio diretto al “Ansabbio di Bologna” che si occupa di assistere e vivacizzare la vita dei bambini e dei loro famigliari nei reparti di lunga degenza, si è voluto ricordare quanto successo a L’Aquila, sostenuta anche attraverso il progetto “Insieme per l’Aquila”. A concludere il Congresso è stata la cena di gala servita nei saloni dell’Antica Infermeria dei Cavalieri dell’Ordine di Malta.

9 su 10 da parte di 34 recensori Rotaract Club d’Italia, successo per il 31° congresso nazionale Rotaract Club d’Italia, successo per il 31° congresso nazionale ultima modifica: 2012-05-21T09:18:30+00:00 da Valeria Abate
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento