Assemini, tenevano in ostaggio bimba per costringere la madre a prostituirsi

Una orribile storia di stranieri barbari e crudeli. Tenevano in ostaggio una bimba di due anni e mezzo per costringere la madre, di nazionalità romena, a prostituirsi e a versare loro i proventi del suo “lavoro”.

La donna, stanca di minacce e violenze, si è ribellata e ha raccontato tutto agli agenti della Squadra Mobile di Cagliari che sono intervenuti, liberando la piccola e arrestando il protettore Florin Mihai, di 28 anni, e la sua convivente Ileana Unguru, di 27, residenti in un campo rom alla periferia di Assemini.

Lascia un commento