Diego Anemone, sequestrati beni per 32 milioni

La Guardia di Finanza ha eseguito il sequestro dei beni di Diego Anemone, l’imprenditore della “cricca” accusato di corruzione per aver ottenuto appalti a trattativa privata nell’ambito dei Grandi Eventi. Il provvedimento chiesto e ottenuto dai magistrati romani, riguarda immobili e altri beni per un valore complessivo di 32 milioni di euro. Il costruttore è sotto processo a Perugia insieme all’ex provveditore ai Lavori Pubblici Angelo Balducci e all’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso, oltre ad altri funzionari pubblici.

Lascia un commento