Elezioni 2012, ecco le candidature per le comunali

Al via la presentazione delle candidature per l’elezione a sindaco in oltre mille comuni italiani, al voto alle amministrative di maggio. Partendo dalla Sicilia, sono undici i candidati a Palermo, cinque ad Agrigento e sette a Trapani, dove per la prima volta si candida una donna, Sabrina Rocca (Pd-Sel).

In Puglia, a Taranto, si ripresenta il sindaco uscente, Ezio Stefano, mentre a Lecce è corsa a cinque per la conquista di Palazzo Carafa: il sindaco, Paolo Perrone, si ripropone come candidato del centrodestra, mentre la vicepresidente della Regione, Loredana Capone, è il volto del centrosinistra. Corsa tra avvocati a Trani: in lizza Luigi Nicola Riserbato (43 anni, candidato del centrodestra), Ugo Operamolla (72 anni, candidato di una coalizione allargata e composta da quasi tutto il centrosinistra e una parte del Terzo Polo) e Fabrizio Ferrante (36 anni, alla guida di una coalizione composta da una lista civica, da piccoli partiti del centrosinistra e del Terzo Polo).

In Calabria, a Catanzaro, ad appena un anno di distanza dall’ultimo voto amministrativo, si riaprono i seggi per eleggere gli inquilini di palazzo de Nobili. E sarà una corsa a cinque.

Proseguendo verso il centro-nord, a Lucca, sono 11 gli aspiranti alla poltrona di sindaco e ben 24 le liste che li appoggiano, per un totale di quasi 700 candidati.

In Liguria, a Genova, tredici i candidati per la poltrona di primo cittadino; ed è boom di liste civiche. Mentre a La Spezia sono 13 i candidati a sindaco.

Patto PdL-Lega Nord a Gorizia per il sostegno al sindaco uscente, Ettore Romoli.

A Verona, si ripresenta, sotto la bandiera della Lega Nord, il sindaco uscente, Flavio Tosi. Eppure, unico caso nella Lega, corre con una lista a suo nome appoggiata da ben sette liste civiche che lo rivogliono sulla poltrona di primo cittadino.

Beppe Grillo, con il suo MoVimento 5 Stelle, ha presentato in totale 101 liste: “Saremo la ‘Carica dei 101′”.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento