Concerto pasquale in Abbazia di Rosazzo

Domenica 15 aprile si terrà all’Abbazia di Rosazzo (Chiesa di San Pietro Apostolo, Manzano, Ud) alle ore 16 lo straordinario concerto che la Fondazione Abbazia di Rosazzo ha organizzato in occasione delle festività pasquali.

Il concerto sarà eseguito dall’Academia Allegro Vivo, un ensemble di 20 elementi fondata dal violinista e direttore d’orchestra Bijan Khadem-Missagh. I membri dell’orchestra provengono dalla tradizionale scuola d’archi viennese. Numerosi sono i CD registrati alla radio e alla televisione che ne documentano la straordinaria omogeneità del suono.

L’Academia Allegro Vivo, nata nel 1977 era in origine conosciuta come “Tonkuenstler Kammer-Orchester” e ha fatto tournée in tutto il mondo continuando la sua attività concertistica presso i festival della musica internazionale come Wiener Musiksommer “Klangbogen” e Musikverein Vienna. Negli anni scorsi l’orchestra ha partecipato come ospite al più grande festival musicale dell’America Latina, il “Festival Internacional Cervantino”a Guanajuato in  Messico; nel novembre del 2008 è stata invitata ad Nagoya (Aoya) in Giappone e nell’autunno 2012 l’orchestra sarà nuovamente in Asia. Dal 1979 l’Academia Allegro Vivo è l’orchestra in residence dell’Internationale Kammermusik Festival Austria. L’Academia è ambasciatore musicale del Festival Allegro Vivo e come tale promuove la fratellanza dei popoli inserendo musica di diverse culture nel proprio repertorio che comprende la musica barocca, classica, romantica e moderna. I motivi cardine sono la ‘Wiener Klassik’ e la musica della regione danubiana del 1900, dove la tradizione musicale europea viene messa in relazione con quella di altri continenti.

Molti compositori noti provenienti dalla stessa orchestra hanno creato opere originali che sono state eseguite dall’ensemble dell’Academia per la prima volta. Il CD “Metamorphosen” inciso nel 2008 è una raccolta di opere commissionate dall’Academia che comprende opere musicali inedite degli ultimi 5 anni. Successivamente l’Academia ha inciso l’opera di F.Schuberts “Tod und das Mädchen” nella forma corale di G.Mahler. Nel 2009 sono stati registrati i più famosi concerti per pianoforte di J.Haydn con il solista Roland Batik dal Label Camerata Tokyo. Nel 2010 viene prodotto, in collaborazione con ORF (radio, televisione austriaca), il CD “Symphonic Serenade” con E.W. Korngolds e il ‘Divertimento per l’orchestra d’archi’ con B.Bartoks. 

Bijan Khadem-Missagh, Solista e direttore d’orchestra dell’Academia Allegro Vivo è nato a Teheran e cresciuto a Vienna, dove ha studiato all’Academia della Musica con i professori Ernst Morawec, Edith Steinbauer, Franz Samohyl, Erwin Ratz, Heinrich Gattermeyer e Hans Swarovsky. Ha debuttato precocemente come solista, e suonato in tournée e partecipato a numerosi concerti. Ha inciso dischi e CD in collaborazione con la radio-televisione, (ORF) ed EMI Columbia. Nel 1971 ha fondato “Eurasia Quartett,” e vinto il Grand Prix e il primo premio presso l’”Internationalen Kammermusikwettbewerb” a Colmar in Francia. Nel 1977 ha fondato il “ Tonkuenstler Kammerorchester”, oggi noto come Academia Allegro Vivo. Nel 1979 ha ideato l’“Allegro Vivo, Internationales Kammermusik Festival Austria”. Dal 1980 al 1990 è stato direttore artistico del “Midsummer Music Festival and Academy” in Umeå, in Svezia. Dal 1981 al 1986 è stato l’iniziatore e il direttore artistico di “Badener Beethoventage”. Dal 1988 è professore al J.M.Hauer Conservatorio. Nel 1997 ha fondato il “GLOBArt – Connecting worlds of Art and Sciences” di cui è presidente onorario.

Compositori contemporanei di diversi paesi hanno dedicato le loro composizioni a Khadem-Missagh come Karl Heinz Füssl, Lasse Thoresen, Alexander Vujic, Kurt Rapf, Karl Etti, Andreas Baksa, Alexander Rahbari, Heinrich Gattermeyer, Leo Schmetterer, Robert Stiegler, Roland Batik e Ulf-Diether Soyka. Le sue composizioni sono sia per strumenti che per voce. Bijan Khadem-Missagh ha ricevuto numerosi premi come il “Ehrenkreuz der Republik Österreich für Wissenschaft und Kunst, e il “Goldenes Ehrenzeichen” al merito di Niederöstereich.

Foto Viola

Lascia un commento