49 i caduti italiani in Afghanistan dal 2004 ad oggi

Le ultime tre vittime, prima di oggi, i tre militari del 66.mo reggimento, rimasti uccisi in un incidente stradale avvenuto nei pressi di Shindad, nella regione occidentale dell’Afghanistan. 2004 – 3 ottobre: un mezzo su cui viaggiano 5 soldati esce di strada uccidendo il caporal maggiore Giovanni Bruno, mentre altri quattro militari restano feriti. 2005 – 3 febbraio: un velivolo civile in volo da Herat A Kabul, precipita a 60 Km sud est dalla capitale, in zona di montagna. A bordo il capitano di vascello Bruno Vianini effettivo al Comando Interforze Operazioni Forze Speciali, in servizio presso Herat. – 11 ottobre: a causa di un incidente, perde la vita il caporal maggiore capo Michele Sanfilippo. 2006 – 5 maggio: a seguito dell’esplosione di un ordigno al passaggio di una pattuglia del contingente, perdono la vita il capitano Manuel Fiorito e il maresciallo capo Luca Polsinelli. – 2 luglio: il colonnello Carlo Liguori muore per un malore. – 20 settembre: in un incidente stradale a Kabul, perde la vita il caporal maggiore Giuseppe Orlando. – 26 settembre: a seguito dell’esplosione di un ordigno al passaggio di una pattuglia del Contingente, nel distretto di Chahar Asyab, circa 10 km a sud di Kabul, perde la vita il caporalmaggiore capo scelto Giorgio Langella e successivamente, il caporal maggiore Vincenzo Cardella. 2007 – 24 settembre: ferito l’agente del Sismi Lorenzo D’Auria che morira’ il 4 ottobre per le ferite riportate durante la sua liberazione dai talebani. – 24 novembre: un kamikaze si fa saltare in aria a Pagman, a 15 chilometri a ovest di Kabul uccidendo il maresciallo capo Daniele Paladini. 2008 – 13 febbraio: in un attentato nella valle di Uzeebin, a 60 km da Kabul, muore il maresciallo Giovanni Pezzulo e rimane ferito il maresciallo Enrico Mercuri – 21 settembre: a causa di un malore, muore a Herat il caporal maggiore Alessandro Caroppo, dell’Ottavo reggimento bersaglieri di Caserta.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento