Milano fa i conti ancora con la neve

94

Il capoluogo lombardo è stato “svegliato” anche questa mattina da una leggera ma insistente nevicata. Strade, giardini, marciapiedi, tutto compleatmente bianco. Malgrado la neve abbia attecchito a terra e con il freddo si sia anche ghiacciata, il traffico è regolare, così come la circolazione dei mezzi pubblici. Sono numerosi gli uomi e i mezzi  fra Amsa, Polizia locale e Protezione Civile che si stanno occupando di risolvere qualsiasi tipo di disagio, dalle zone periferiche ai punti nevralgici come cavalcavia e incroci. Compito dei custodi degli stabili, invece, provevdere a liberare dalla neve i marciapiedi antistanti gli edifici.

Da martedì 31 gennaio il Comune di Milano, in collaborazione con Atm, ha deciso di tenere aperto in orario notturno il mezzanino della metropolitana della Stazione Centrale per garantire un’accoglienza di emergenza alle persone senza tetto. Grazie alla collaborazione di Polizia Locale, Linea Gialla Onlus, Fondazione Progetto Arca, e delle altre organizzazioni del privato sociale impegnate nel piano anti freddo, le persone senza casa troveranno ricovero dalle ore 20:00 alle ore 08:00 in una zona del mezzanino che sarà inibita al passaggio del pubblico. L’area sarà presidiata dagli operatori pari di Linea Gialla Onlus per tutta la notte, dalla Polizia locale che ne garantirà la sicurezza e dalla Protezione civile che allestirà lo spazio, che sarà riscaldato di notte e poi, nelle prime ore del mattino, ripulito e sanificato per essere nuovamente aperto ai passeggeri della metropolitana. La distribuzione dei pasti caldi serali sarà curata da Fondazione Progetto Arca.

Riscaldamento acceso nelle scuole 24 ore al giorno, sette giorni su sette. La misura straordinaria è stata decisa dall’assessorato all’Educazione e Istruzione del Comune di Milano, condivisa con l’assessorato ai Lavori pubblici, a seguito dell’ondata di freddo che ha colpito anche la nostra città e dell’ulteriore inasprimento delle condizioni climatiche previsto nei prossimi giorni. La temperatura sarà mantenuta a 22° (con una tolleranza di un grado) nei nidi, e a 20° (con un grado di tolleranza) nelle scuole materne, elementari e medie. Nelle palestre la temperatura è a 17° (un grado di tolleranza). Il provvedimento riguarda 672 istituti: 250 materne, elementari e medie statali, 174 materne co munali, 100 nidi comunali, 148 nidi privati accreditati Anche nelle case farà più caldo. Da giovedì infatti gli impianti di riscaldamento in tutti gli edifici potranno restare accesi due ore in più (14 anziché 12), con la possibilità di riportare la temperatura a 20 gradi (con due gradi di tolleranza). Allo stesso tempo, da giovedì torneranno a circolare anche i veicoli diesel Euro 3 senza limitazioni di orario.